Cerca

Tania Cagnotto a Ponte Milvio per dire 'stop' a meningite

SANITÀ
Tania Cagnotto a Ponte Milvio per dire 'stop' a meningite

(Afp)

Una campionessa in campo per la prevenzione della meningite. C'era anche la tuffatrice Tania Cagnotto sabato a Roma a 'M-Team contro la meningite per la salute dei nostri bambini, evento organizzato a Ponte Milvio per dire 'stop' alla meningite da meningococco, infezione che colpisce ogni anno circa 1.000 persone in Italia, ma è particolarmente frequente nell’infanzia e può portare a morte o a gravi disabilità. Quello della Capitale è stato il primo dei tre appuntamenti di un tour che coinvolgerà sport, scienza e prevenzione. Nelle prossime settimane l’M-Team incontrerà bambini e genitori a Bari e Padova.


L'M-Team è una squadra di mamme voluta dal Comitato nazionale liberi dalla meningite, di cui fanno parte Elena Bozzola, medico pediatra e infettivologo dell'ospedale Bambino Gesù di Roma, oltre che segretario nazionale della Società italiana di pediatria (Sip) e la campionessa di tuffi Tania Cagnotto, per sensibilizzare sull’importanza della prevenzione di questa infezione e sulla crescita sana del bambino a 360 gradi. Obiettivo principe dell’M-Team è la prevenzione della meningite da meningococco, su cui non esiste ancora un’adeguata conoscenza da parte dei genitori: secondo una recente ricerca condotta da Ipsos, infatti, il 41% dei genitori non si considera sufficientemente informato sulla meningite.

"La parola meningite fa paura a tutti, ma ancora di più ai genitori - ha ricordato Elena Bozzola, medico pediatra dell'ospedale Bambino Gesù di Roma, oltre che segretario nazionale della Società italiana di pediatria (Sip) - In Italia abbiamo un'incidenza di meningite che è intorno a 0,3 su 100 mila abitanti. Parlando di meningite meningococcica i sierogruppi che ci fanno più 'paura' in Italia sono B e C, ma non dobbiamo dimenticare l'Y e il V235, i cosiddetti sierogruppi emergenti. Purtroppo ancora oggi in Italia ci sono tante persone che hanno paura degli effetti collaterali dei vaccini. Ma vaccinando i nostri bambini in base alle indicazioni del Calendario vaccinale, li proteggiamo verso alcune tra le più temibili malattie al mondo. In un'epoca in cui siamo contornati da 'fake news' e disinformazione la mia presenza oggi è per dare voce alla medicina e alla scienza: i vaccini sono sicuri ed efficaci. Vaccinate i vostri bambini".

"Faccio parte di questo team perché credo profondamente nella prevenzione - ha sottolineato la campionessa Tania Cagnotto - Ho cercato di prevenire gli infortuni per una vita e adesso voglio fare la stessa cosa per mia figlia. Quando è nata Maya una delle tante preoccupazioni è stata proprio questa dei vaccini. Non del vaccino in sé - ha aggiunto - ma di poter proteggere mia figlia dalle malattie gravi, quindi ho accettato subito, perché per me è stata anche una occasione bellissima di capire un po' di più, togliermi anche qualche dubbio che avevo. Inoltre sono sempre stata abituata a fare prevenzione nella mia vita. Adesso, con mia figlia, mi rendo conto ancora di più quanto sia importante la prevenzione. Quindi, appunto, i vaccini".

Oggi sono disponibili vaccini che prevengono dai cinque tipi di meningite meningococcica più infettivi e pericolosi (A, B, C, Y e W135), dai gruppi più diffusi di meningite pneumococcica e da quella da emofilo di tipo B. In Italia i vaccini contro la meningite sono gratuiti per specifiche fasce di popolazione, ossia quelle a maggior rischio di infezione. Tali vaccini sono inseriti nel nuovo Calendario vaccinale che a sua volta fa parte del Piano nazionale prevenzione vaccinale 2017-2019.



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.