Cerca

Coronavirus: Zaia, 'Caserma Treviso zona rossa, virus non deve uscire'

SANITÀ
Coronavirus: Zaia, 'Caserma Treviso zona rossa, virus non deve uscire'

"Il virus non deve uscire dalla caserma. Per me la caserma rimane zona rossa dal punto di vista sanitario". Il governatore del Veneto, Luca Zaia, si esprime così sul focolaio localizzato nell'area di treviso, nella ex caserma Serena, dove risultano positivi 133 migranti ospitati. Zaia evidenzia il peso dei focolai 'd'importazione'. "L'ospitalità va garantita a chi scappa dalla morte e dalla fame, i dati ci dicono che questi casi costituiscono il 5% del totale. Il 90% degli arrivi riguardano cittadini che vengono da paesi in cui non c'è guerra o persecuzione. Non capiamo per quale motivo dobbiamo avere in Veneto oltre il 55% dei focolai che vengono da fuori", dice il presidente della regione.


"Per me la caserma rimane zona rossa dal punto di vista sanitario e gli ospiti devono sottostare a regole sancite per legge. Il soggetto positivo va incontro a multa e conseguenze penali se esce dalla quarantena. Il soggetto negativo deve stare in quarantena. Abbiamo 5 milioni di veneti che sono stati chiusi in casa per mesi. Non capisco quale sia il problema per 300 persone. Qui si vede se lo stato esiste o no. Resta inteso che strutture come queste vanno dismesse, questo sistema di ospitalità è fallimentare in tutti i sensi", aggiunge. "Da Roma si diano da fare per non mandarci più immigrati".



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.