Cerca

'Caro paziente torna dal medico', campagna contro crollo visite

Lanciata da Doc Generici come una 'ricetta' del dottore, appello speciale ai malati cronici

SANITÀ
'Caro paziente torna dal medico', campagna contro crollo visite

"Caro paziente, in questi mesi abbiamo scoperto quanto sia fragile la salute. Per proteggerla, siamo rimasti a casa. Per proteggerla, oggi possiamo tornare a vederci. Perché la salute riparte solo con una ricetta. Questa". E' il messaggio della campagna #proteggilatuasalute, promossa da Doc Generici per ripopolare gli ambulatori medici 'svuotati' dall'emergenza Covid-19, con una particolare attenzione ai malati cronici. Perché "per questa tipologia di pazienti il costante monitoraggio, le revisioni del piano terapeutico e i preziosi consigli del medico curante sono fondamentali ai fini di una corretta aderenza terapeutica", è il senso dell'iniziativa lanciata online, in Tv e con affissioni nelle principali città italiane.


Lo spot, ideato da McCann Health e visibile sul sito di Doc Generici "https://www.docgenerici.it/proteggi-la-tua-salute/?utm_source=adn&utm_medium=generico&utm_campaign=proteggilatuasalute&utm_content=general), si propone di "valorizzare la relazione tra medico e paziente resa difficile dal lungo periodo di lockdown dei mesi scorsi", attraverso "un messaggio emozionale dal tono rassicurante". Un dottore che, nel silenzio del suo ambulatorio, scrive a mano una lettera al suo paziente come fosse una ricetta su carta intestata bianca, prima di lasciare il suo studio.

A ispirare la campagna sono i risultati di una recente indagine condotta da Medipragma, presentata in agosto in occasione del Meeting di Rimini, dalla quale emerge che tra novembre 2019 e marzo 2020 la media quotidiana di visite ambulatoriali in Italia è calata tra il 50% e il 60%. Mentre nel periodo pre-Covid-19 venivano visitati in media 21 pazienti al giorno, nei mesi di aprile e maggio la media è scesa a 7 pazienti al giorno televisite comprese. In particolare, le visite cardiologiche si sono ridotte del 33% e quelle pediatriche del 53%.

"Inevitabili le conseguenze sulla salute degli italiani", avvertono gli esperti. A cominciare dalla riduzione dei ricoveri per patologie diverse da Covid-19 (-48% per l'infarto, per esempio), fino ai ritardi nelle nuove diagnosi (il -20% di visite ematologiche registrato è potenzialmente legato al ritardo nella diagnosi di patologie come la leucemia).

Sempre l'indagine indica un aumento delle richieste di ricette digitali, dello scambio di informazioni e delle comunicazioni medico-paziente da remoto. Fattori hanno permesso ai 'camici bianchi' di mantenere un contatto attivo con i loro pazienti anche in questa lunga fase di emergenza.

"Stare al fianco dei nostri medici oggi, come azienda farmaceutica, significa anche cercare di intercettare i bisogni di questo mondo - dichiara Riccardo Zagaria, Ceo di Doc Generici - Con questa campagna Doc Generici ha intercettato la preoccupazione dei medici verso i molti pazienti che soffrono di patologie croniche, o che hanno la stretta necessità di effettuare visite ed esami con una certa regolarità e che, a causa dell'emergenza sanitaria, hanno disertato gli ambulatori sia dei medici di medicina generale che dei medici specialisti. Noi speriamo di incoraggiarli a tornare dal medico, con le doverose precauzioni, e a tornare a curarsi".



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.