cerca CERCA
Sabato 28 Gennaio 2023
Aggiornato: 01:54
Temi caldi

Salvini in Sicilia tra applausi e contestazioni

12 giugno 2020 | 20.48
LETTURA: 1 minuti

Il leader della Lega a Barcellona Pozzo di Gotto e Milazzo: "Fischi di dieci sfigati"

alternate text

Il leader della Lega Matteo Salvini in serata è arrivato a Barcellona Pozzo di Gotto, piccolo centro del messinese dove si voterà il prossimo autunno. Ad accoglierlo una piazza divisa a metà, da un lato decine di simpatizzanti con striscioni che inneggiavano alla Lega e dall'altra un gruppo di contestatori che lo ha fischiato e ha cantato 'Bella ciao'. Su uno striscione 'La Sicilia accoglie i migranti ma non Salvini'.

"Sono fischi di dieci sfigati" ha commentato il leader della Lega. "Manteneteli voi. Prendete a carico vostro quei signori che sono su quel balcone" ha detto rivolto al gruppo di contestatori. Prima li ha definiti "quelli di sinistra che ululano" e poi, indicando un gruppo di immigrati affacciato su un balcone, ha scandito: "Manteneteli voi, tre a testa". Per concludere: "Abbiamo bisogno di turisti che pagano, non di turisti che sono pagati per fare un accidente".

Dopo le contestazioni, gara di selfie per Salvini. Decine di persone hanno infatti fatto la fila per una fotografia con lui, donne, bambini, giovani.

Il leader della Lega ha quindi lasciato Barcellona Pozzo di Gotto per recarsi a Milazzo, dove è stato accolto con la canzone siciliana 'Ciuri ciuri' alternata a fischi da parte di un gruppo di contestatori che gridavano "A casa", "Fuori la Lega dalla Sicilia", "Milazzo non si Lega". 'Mai con Salvini' la scritta su uno dei cartelli tenuti in alto dai contestatori.

Centinaia le persone che si sono radunate in piazza per salutarlo. In un altro lato della piazza altre centinaia di persone hanno contestato l'ex ministro dell'Interno. A un simpatizzante che chiedeva "Matteo, mandiamo a casa questo governo", Salvini ha risposto: "Non vedo l'ora".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza