cerca CERCA
Sabato 24 Luglio 2021
Aggiornato: 10:34
Temi caldi

Salvini al fianco del benzinaio Stacchio: ''Ha solo difeso la vita di una donna''

16 febbraio 2015 | 16.13
LETTURA: 3 minuti

Il segretario del Carroccio in visita al benzinaio che due settimane fa ha ucciso un rapinatore: ''Lega vuole cambiare il reato di eccesso di legittima difesa''

alternate text
Salvini con il benzinaio Stacchio (foto Adnkronos)

"La Lega Nord vuole cambiare il reato di eccesso di legittima difesa". Ad annunciarlo il segretario del Carroccio, Matteo Salvini, in visita al benzinaio Graziano Stacchio, nella sua stazione di servizio a Ponte di Nanto nel vicentino, che due settimane fa in uno scontro a fuoco con una banda di malviventi ha ucciso un rapinatore.

"La proposta della Lega è di cambiare l'eccesso di legittima difesa: in Italia persone come Stacchio fanno quello che ogni cittadino libero e responsabile deve fare, cioè difendere la propria vita e quella altrui", ha detto, sottolineando che la sua visita "non è un invito a farsi giustizia da soli, ma piuttosto un invito a consentire a poliziotti e carabinieri di fare il loro lavoro e la volontà di portare la mia vicinanza alla gente che lavora". Riguardo al benzinaio, Salvini ha detto che "non si ritiene un eroe: è solo una persona normale che ha difeso una vita senza volere uccidere nessuno. Non deve passare nemmeno mezza grana dallo Stato italiano".

SCAMBIO DONI - Tra Stacchio e Salvini anche uno scambio di doni. Il benzinaio ha regalato a Salvini un orologio da parete realizzato da un artigiano locale. Salvini da parte sua ha portato in omaggio due scatole di latte "degli allevatori lombardi, che ho incontrato stamane a Milano".

"Ho messo la foto del benzinaio Stacchio su facebook e ho già avuto 92mila 'mi piace'", ha sottolineato nel pomeriggio il segretario della Lega ai microfoni di Radio Padania. "Ho avuto il piacere di incontrare lui e il figlio -ha sottolineato Salvini- persone veramente semplici che non si atteggiano a eroi e che hanno avuto coraggio di non girarsi dall'altra parte. Quanti avrebbero fatto finta di niente? Tanti. Invece -ha aggiunto- quest'uomo, senza che nessuno lo obbligasse, ha difeso la vita di una commessa. Che debba ora pagare degli avvocati per evitare il risarcimento danni ai famigliari del rapinatore...".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza