cerca CERCA
Giovedì 26 Maggio 2022
Aggiornato: 23:40
Temi caldi

Salvini: "Mai Amato, Veltroni o Prodi, nemmeno sotto ricatto''/Video

21 gennaio 2015 | 18.39
LETTURA: 3 minuti

Il leader della Lega fa il punto sul Quirinale e poi attacca Renzi: "E' passata una legge elettorale indegna, imbarazzante e da regime". Calderoli: ''Noi abbiamo il nostro candidato, ma il premier e Berlusconi sono già d'accordo sul nome''

"Prodi, Veltroni o Amato noi non li votiamo, non avranno i voti della Lega neanche sotto ricatto". Durante il sit-in sotto alla Corte Costituzionale per protestare contro lo stop al referendum sulla legge Fornero, Matteo Salvini ribadisce la posizione della Lega sulla corsa al Quirinale. "Noi abbiamo un candidato, ma lo tireremo fuori all'ultimo momento - spiega il leader leghista, tracciando l'identikit del candidato della Lega al Colle - sarà una persona libera, non di sinistra e pronta a difendere gli italiani". "Non sarà comunque uno come Napolitano, pronto ad inginocchiarsi di fronte a Bruxelles", aggiunge Salvini.

"E' passata una legge elettorale indegna, imbarazzante e da regime". Salvini punta poi il dito contro l''Italicum' in discussione in queste ore in Parlamento, perché "lo stesso Renzi è un uomo da regime, uno che sorride ma è pericolosissimo, perciò faremo di tutto per mandarlo a casa il prima possibile". "Chiunque sostiene il governo Renzi - spiega Salvini - non potrà essere alleato della Lega", dice poi tagliando corto su possibili alleanze con Forza Italia, 'colpevole' di appoggiare un governo che "è pericoloso per l'Italia e i numeri lo bocciano".

"Se Berlusconi è arrivato a votare l'emendamento Esposito, una cosa per lui indigeribile, allora l'accordo sul Quirinale Renzi e Berlusconi lo hanno trovato", aggiunge poi il senatore leghista Roberto Calderoli parlando con l'Adnkronos. Per Calderoli è ormai cosa fatta l'intesa tra il premier e il leader azzurro sul successore di Napolitano al Colle, "ma il nome chiaramente non lo so, loro due si vedono sempre soli soletti", ironizza l'esponente del Carroccio. "In ogni caso con chi sostiene Renzi noi non possiamo stare - conclude -. Noi, il nostro nome lo abbiamo, ma non lo facciamo ora per non bruciarlo".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza