cerca CERCA
Sabato 27 Novembre 2021
Aggiornato: 00:05
Temi caldi

Sanita': Anaao, nuovo Governo preservi ministero Salute

19 febbraio 2014 | 11.22
LETTURA: 3 minuti

Roma, 19 feb. (Adnkronos Salute) - "A ogni crisi di Governo parte il tormentone della sopravvivenza del ministero della Salute. E sembra che anche questa crisi non si sottragga alla tentazione irresistibile di volerlo cancellare accorpandolo (come fosse una qualsiasi azienda sanitaria o struttura ospedaliera) ad un altro più 'importante', a prescindere dal valore e dalla specificità dell'oggetto delle sue competenze e dal numero e dalle caratteristiche dei suoi 'dipendenti'. Un dipartimento, insomma, espulso, insieme con le ragioni e le voci della sanità, dal Consiglio dei ministri". E' quanto afferma il segretario nazionale Anaao Assomed, Costantino Troise, contrario all'ipotesi circolata in questi giorni di riaccorpare il ministero della Salute in quello del Lavoro.

Secondo Troise, "in un Paese dove un federalismo arrogante ha aumentato le diseguaglianze tra cittadini in tema di esigibilità del diritto alla salute, ormai declinato in 21 modi diversi alla faccia del dettato costituzionale, non si può rinunciare ad un ente centrale, autonomo ed autorevole, che eserciti una funzione di controllo e di indirizzo, per garantire che tutti i cittadini possano riconoscersi in una stessa idea di salute e negli stessi principi di coesione e giustizia sociale. Tanto più in tempi in cui il sistema sanitario pubblico e nazionale è a rischio, proprio nelle caratteristiche di universalismo ed accessibilità che gli italiani dimostrano di apprezzare maggiormente. Ed il suo patrimonio professionale, penalizzato e mortificato dal punto di vista organizzativo, economico, giuridico".

Per il segretario nazionale dell'Anaao Assomed, "l'indebolimento del ministero della Salute vorrebbe anche dire che la sanità non rientra tra le modifiche del titolo V e che nessuno proverà a riportare al centro l'asse della politica sanitaria per evitare di archiviare il carattere nazionale del servizio sanitario. Serve, quindi, un ministero forte, affidato ad un ministro politico, lontano da un mondo, quale quello universitario, che è uno dei problemi della sanità, e non l'ultimo, e certo non può rappresentarne la soluzione. Curioso - conclude Troise - come il nuovo che avanza si trovi a percorrere strade già battute e che, alla fine, il solo modo che si conosca per andare avanti sia tornare indietro".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza