cerca CERCA
Giovedì 26 Maggio 2022
Aggiornato: 02:47
Temi caldi

Sanita': Anaao su Def, e' morte annunciata per medici e servizi Ssn

17 aprile 2014 | 12.28
LETTURA: 3 minuti

Roma, 17 apr. (Adnkronos Salute) - Blocco del turnover 'sine die', riduzione del Fondo sanitario nazionale con il rischio di uno sgretolamento del Ssn e la progressiva restrizione del perimetro di tutela della salute. Sono i punti che riguardano la sanità del Documento economico e finanziario (Def) che allarma il sindacato medici dirigenti Anaao Assomed, che ha già annunciato lo stato di agitazione. "Il Def - ribadisce la sigla - lascia intravvedere una morte annunciata, per la quale non ci risulta sia stato chiesto il consenso dei diretti interessati, cittadini ed operatori. Il decreto legge che sarà approvato domani dal Governo porterà secondo indiscrezioni di stampa un taglio lineare al Fondo sanitario di 4 mld in tre anni ed una amputazione chirurgica degli stipendi di tutti i professionisti della sanità".

"Ci sarà - prosegue l'Anaao - un definanziamento che produce asfissia dei servizi e un impoverimento delle competenze professionali. Con sguardo incurante sugli allarmi lanciati da voci autorevoli, in ultimo il Rapporto Osservasalute 2013 dell'Università Cattolica di Roma, sul rischio di uno sgretolamento del sistema sanitario e dei guasti, in termini sociali e di salute, provocati da una progressiva restrizione del perimetro di tutela pubblica della salute. Ai cittadini - incalza l'Anaao - toccherà colmare il gap tra costi e servizi".

"Tacciono le Regioni immerse nell'oblio di un Patto tradito prima ancora che venisse stipulato", continua il sindacato. "Tacciono le organizzazioni sindacali delle nuove professioni sanitarie, soddisfatte di competenze avanzate e di condizioni di lavoro arretrate. Tacciono gli Ordini professionali per i quali il decoro e la dignità professionale sono fattori indipendenti dal contesto. Tacciono le università - conclude la nota - che non hanno ancora capito che se si abbassano i nostri stipendi caleranno anche quelli dei medici universitari".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza