cerca CERCA
Giovedì 30 Giugno 2022
Aggiornato: 00:44
Temi caldi

Sanità: chirurghi plastici sostengono spot Amami contro 'avvoltoi' malasanità

28 febbraio 2014 | 13.15
LETTURA: 2 minuti

alternate text

Milano, 28 feb. (Adnkronos Salute) - "Sosteniamo lo spot di Amami, Associazione per i medici accusati di malpractice ingiustamente, e ne condividiamo i contenuti. Tuttavia vogliamo prendere le distanze da alcune interpretazioni che sono state date, in particolare quelle in cui si identifica nella figura degli avvoltoi una sola categoria professionale". Così, attraverso le parole del vice presidente Mario Pelle Ceravolo, prende posizione l'Associazione italiana di chirurgia plastica estetica (Aicpe), tra le firmatarie dell'iniziativa di Amami che nei giorni scorsi ha lanciato lo spot 'Medici-Pazienti-Avvoltoi', per accendere i riflettori sul boom di denunce ai camici bianchi e sull'emergenza medicina difensiva.

"L'intento del messaggio pubblicitario di Amami - chiarisce Pelle Ceravolo - è denunciare l'attività di una serie di persone che operano in diverse categorie, approfittando dei pazienti per ricavarne profitto. Quello che si vuole condannare quindi non è una particolare categoria professionale, ma un comportamento che è, purtroppo, trasversale. E' erroneo quindi identificare gli avvoltoi dello spot con gli avvocati".

Il vice presidente Aicpe conclude: "Ci sono due diritti importanti da difendere: quello dei pazienti, che devono essere curati da medici responsabili e conservare il proprio diritto ad ottenere la migliore qualità della cura, e quello dei medici, che devono essere posti nelle condizioni di esercitare la propria professione con coscienza e tranquillità senza avvoltoi intorno che possano disturbare ed inquinare il rapporto medico-paziente".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza