cerca CERCA
Lunedì 04 Luglio 2022
Aggiornato: 07:26
Temi caldi

Sanita': Garante detenuti, bloccato invio malati Aids in case famiglia extra Lazio

08 febbraio 2014 | 12.10
LETTURA: 2 minuti

Roma, 8 feb. (Adnkronos Salute) - "A partire dal mese di gennaio, la Regione Lazio ha bloccato, per carenza di fondi, le autorizzazioni all'invio di pazienti malati di Aids, fra i quali anche numerosi detenuti, in Case Famiglia extra Regione. A comunicarlo, una nota dell'Istituto Nazionale di malattie infettive Lazzaro Spallanzani di Roma, Centro di coordinamento per l'ingresso nelle case famiglia della Regione, o di altre Regioni, per persone affette da Aids". Lo annuncia il Garante dei detenuti del Lazio Angiolo Marroni, che sul blocco delle autorizzazioni ha inviato una lettera urgente al presidente della Regione Nicola Zingaretti, commissario ad acta per la Sanità, al sub commissario Renato Botti, al coordinatore della Cabina di regia del Servizio sanitario regionale Alessio D'Amato e al responsabile della Direzione regionale salute e integrazione sociosanitaria Flori De Grassi.

La nota inviata dallo Spallanzani, inoltrata anche al Tribunale di Sorveglianza di Roma - riporta un comunicato - fa specifico riferimento a una detenuta attualmente reclusa nel carcere di Rebibbia femminile. A seguito del blocco delle autorizzazioni al trasferimento, la detenuta che doveva essere trasferita a causa delle sue condizioni di salute in Casa Famiglia in provincia di Pesaro, è invece stata trattenuta in carcere, in attesa di un posto libero in una delle Case famiglia della Regione Lazio. (segue)

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza