cerca CERCA
Sabato 28 Maggio 2022
Aggiornato: 14:45
Temi caldi

Sanita': senatori Pd, basta Opg, istituire un'Autorita' per superarli

18 febbraio 2014 | 14.32
LETTURA: 3 minuti

Milano, 18 feb. (Adnkronos Salute) - "No ad una ulteriore proroga della chiusura degli ospedali psichiatrici giudiziari, senza introdurre precisi vincoli di legge che favoriscano le dimissioni e le misure alternative alla detenzione". E' l' appello unanime lanciato dai senatori Pd in Commissione Igiene e Sanità di Palazzo Madama e dal Comitato 'Stopg' al ministro della Salute e alle Regioni, in un incontro che si è svolto questa mattina a Palazzo Madama. I senatori propongono "l'istituzione di una Autorità dedicata" al superamento definitivo degli Opg, "composta dai rappresentanti dello Stato (ministeri Salute e Giustizia), delle Regioni e della pubblica amministrazione - spiega Nerina Dirindin, capogruppo Pd in Commissione Sanità - che vigili sui tempi di attuazione. Una vera e propria 'governance' che coinvolga tutti gli attori interessati".

"Il 1 aprile - ricorda Dirindin - scade il termine per il superamento degli Opg e ci troviamo ancora una volta di fronte all'ennesima richiesta di proroga, almeno 4 anni, da parte della Conferenza delle Regioni per la costruzione delle Residenze per l'esecuzione della misura di sicurezza (Rems). Consideriamo inaccettabile il rinvio e intollerabile la motivazione. Non si può - incalza - derubricare il superamento degli Opg, luoghi indegni di un Paese civile, a mera questione di 'lavori pubblici'. Si tratta di garantire il diritto alla salute mentale dei detenuti superando una logica manicomiale che rischia di compromettere la vita futura di molte persone. Vogliamo quindi sollecitare il ministro e le Regioni a dare risposte concrete e urgenti per il superamento degli Opg".

"Sono necessari precisi vincoli di legge - prosegue la senatrice - che favoriscano le dimissioni e le misure alternative alla detenzione, che frenino gli ingressi impropri e pongano fine alle proroghe detentive dovute, più che alla pericolosità della persona, all'incuria delle istituzioni che dovrebbero farsi carico di costruire un credibile progetto terapeutico riabilitativo individuale (Ptri). Il tempo dell'attesa è finito", conclude Dirindin. "Ocorre lavorare concretamente per l'effettivo e definitivo superamento degli Opg e il rafforzamento dei servizi di salute mentale".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza