cerca CERCA
Giovedì 27 Gennaio 2022
Aggiornato: 00:07
Temi caldi

Calcio

Sarri: "Benfica uno dei top team europei ma proveremo a fare la partita"

27 settembre 2016 | 17.05
LETTURA: 3 minuti

alternate text
Maurizio Sarri - AFP

"Loro sono molto forti, ho visto tutte le loro partite e hanno un ottimo livello di organizzazione e grandi qualità tecniche. Stiamo parlando di una delle squadre più forti d'Europa, l'anno scorso andarono fuori ai quarti facendo tremare il Bayern Monaco ma noi proveremo a fare comunque la partita". Il tecnico del Napoli, Maurizio Sarri, presenta così la sfida di domani sera al San Paolo contro il Benfica, valida per la seconda giornata del gruppo B di Champions League.

"Loro giocano bene da dietro -sottolinea Sarri in conferenza stampa-, hanno difensori forti tecnicamente che impostano benissimo, a centrocampo hanno grande tecnica e poi esterni come Salvio e Pizzi con grande talento. Poi davanti c'è Guedes, un attaccante che mi ha fatto un'impressione straordinaria. Ribadisco che non sarà facile prendere in mano la partita, perché hanno tecnica e palleggio e non li costringi subito all'errore. Ci saranno momenti in cui inevitabilmente dovremo correre noi dietro al loro palleggio".

L'esordio stagionale in Champions è coinciso con una vittoria esterna a Kiev per il Napoli e con un pareggio del Benfica in casa contro il Besiktas: "Rispetto a Kiev questo match è ancora più difficile -sottolinea Sarri-. Il loro pareggio fa poco testo, hanno avuto una gara sfortunata, sono stati raggiunti al '93 da una punizione. Per noi sarà un test importante sotto il profilo della mentalità dove abbiamo grandi margini di crescita.

Sarri spera in una grossa mano dal pubblico del San Paolo: "Speriamo possa essere un fattore importante e magari determinante anche se loro sono abituati a giocare in grandi stadi. I nostri tifosi ci hanno sempre aiutato e domani facciamo affidamento su di loro, siamo contenti della loro vicinanza".

L'allenatore degli azzurri fa poi un parallelo tra il calcio portoghese e quello della Serie A: "Il livello medio italiano è superiore a quello portoghese, ma loro hanno delle eccellenze al top in Europa, come Porto, Benfica e Sporting Lisbona e quando si gioca con queste tre non è mai facile".

Infine Sarri spiega i motivi del mancato inserimento di alcuni acquisti dell'ultimo mercato: "Piano piano inseriremo i nuovi ma non è facile, sono arrivati a fine agosto ed è difficile allenarli sotto il profilo tattico quando si gioca ogni tre giorni, in più alcuni ragazzi non erano neanche in grande condizione quando sono arrivati. Ci sono varie cose da mettere a posto per inserirli e aumentare le rotazioni, quando ci riusciremo aumenteranno le frecce al nostro arco".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza