cerca CERCA
Mercoledì 25 Maggio 2022
Aggiornato: 02:07
Temi caldi

Sassoli, aperta camera ardente in Campidoglio

13 gennaio 2022 | 10.58
LETTURA: 2 minuti

Dal presidente Mattarella al premier Draghi, l'omaggio al presidente del Parlamento europeo morto a 65 anni

alternate text
(Foto Afp)

Si è aperta questa mattina alle 10.30 la camera ardente di David Sassoli nella Sala della Protomoteca in Campidoglio a Roma. Dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella al premier Mario Draghi, sin dai minuti diversi esponenti politici, leader e big dei vari partiti hanno voluto rendere omaggio al presidente del Parlamento europeo morto a 65 anni lo scorso 11 gennaio. Ad accoglierlo il feretro al suo arrivo il sindaco di Roma, Roberto Gualtieri, assieme ai familiari di Sassoli. Un attimo prima è stato Massimo D'Alema a mettersi ordinatamente in fila per esprimere il suo cordoglio.

Leggi anche

A recarsi in Campidoglio anche il governatore del Lazio Nicola Zingaretti, il presidente della Camera Roberto Fico, la presidente del Senato Casellati e l'ex premier e leader M5s Giuseppe Conte arrivato con Goffredo Bettini. Anche Matteo Renzi ha reso omaggio alla camera ardente: l'ex premier guidava una delegazione di Italia viva. In Campidoglio anche il leder della Lega Matteo Salvini.

Enrico Letta ha reso omaggio alla camera ardente di Sassoli. Il segretario guidava una delegazione del Pd di cui facevano parte, tra gli altri, i vicesegretari Provenzano e Tinagli, il capo della segreteria Meloni, il tesoriere Verini. Il ricordo di Sassoli “ha generato un entusiasmo che è cresciuto in questi giorni. Noi abbiamo intenzione di dare seguito a questo entusiasmo, prenderemo iniziative nel nome di David per la buona politica e per l’Europa”, ha detto Letta. “E’ un messaggio, questo, che viene dai cittadini italiani e europei e che ci dice che la buona politica e’ possibile, David l’ha interpretata, tanti lo hanno scoperto adesso, noi lo sapevamo -ha spiegato il segretario del Pd-. Ma voglio dire che la migliore politica non se ne è andata, David ci ha fatto il regalo di insegnarlo a tutti noi. E’ un messaggio molto forte che ci fa molto riflettere”. Letta ha poi parlato dell’ultimo incontro con Sassoli: “Era il 16 dicembre, a Bruxelles. Abbiamo lungamente parlato di progetti futuri, di cosa avrebbe fatto, c’erano tante idee”.

Forza Italia si è presentato con una delegazione composta da Antonio Tajani e i capigruppo Bernini e Barelli: "Sassoli era una persona perbene, leale. Ci univa la stessa passione politica, il rispetto dei ruoli, del Parlamento e dei valori come la centralità della persona", ha spiegato il coordinatore azzurro. Oltre a Stefano Fassina e Dario Nardella, anche Mario Monti ha testimoniato il suo cordoglio alla Protomoteca. E lo stesso, stringendo la famiglia Sassoli, hanno fatto Walter Veltroni e Gianni Letta. Il Pd, prima della visita di Enrico Letta, ha reso il suo omaggio con una corposa delegazione di senatori composta, tra gli altri, da Valeria Fedeli, Dario Stefano, Roberta Pinotti, Andrea Marcucci, Luigi Zanda, Caterina Bini.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza