cerca CERCA
Lunedì 04 Luglio 2022
Aggiornato: 19:30
Temi caldi

Scholz: "Ucraina in Ue? No a scorciatoie"

19 maggio 2022 | 10.29
LETTURA: 1 minuti

"Ha ragione Macron, non è questione di pochi mesi o anni". Kuleba replica: "Basta trattarci da candidati di seconda classe"

alternate text
Afp

No a "scorciatoie" per l'ingresso dell'Ucraina nell'Ue. E' quanto ha sottolineato il cancelliere tedesco, Olaf Scholz, dichiarando di "non essere favorevole" alla rapida adesione del Paese al Blocco europeo. "Il fatto che non ci sia una scorciatoia sulla strada per l'adesione all'Ue (dell'Ucraina, ndr) è per dovere di equità nei confronti dei sei Paesi dei Balcani occidentali" che da tempo chiedono di entrare nel blocco europeo. Secondo Scholz, il presidente francese "Emmanuel Macron ha ragione nel sottolineare che il processo di adesione non è questione di pochi mesi o pochi anni", ha aggiunto.

L'Ucraina non vuole essere trattata come una candidata all'Ue di "seconda classe", le parole del ministro degli Esteri di Kiev, Dmytro Kuleba, dopo quelle del cancelliere tedesco. "L'ambiguità strategica sulla prospettiva europea dell'Ucraina praticata da alcune capitali dell'Ue negli ultimi anni è fallita e deve finire. Ha solo incoraggiato Putin", ha scritto Kuleba sul proprio account Twitter. "Non abbiamo bisogno di surrogati sullo status di candidata all'Ue che mostrino un trattamento di seconda classe nei confronti dell'Ucraina e feriscano i sentimenti degli ucraini", ha aggiunto.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza