cerca CERCA
Lunedì 23 Maggio 2022
Aggiornato: 20:38
Temi caldi

Alimentazione

Scienziati 'salvagusto' a lavoro in Usa per conservare sapore dei pomodori

19 agosto 2015 | 16.42
LETTURA: 3 minuti

alternate text
(Foto Infophoto) - INFOPHOTO

Salvare il sapore dei pomodori, che si degrada nel passaggio dal campo al negozio. Specie dopo lunghi viaggi. Questo l'obiettivo di una ricerca tutta americana presentata a Boston al 250.mo National Meeting & Exposition dell'American Chemical Society.

L'idea dei chimici americani è che pochi semplici passaggi nella lavorazione potrebbero migliorare notevolmente il sapore. "Idealmente i pomodori devono essere raccolti maturi e poi venduti subito", dice Jinhe Bai. Ma questo non è sempre possibile, e i pomodori spesso sono stoccati e spediti molto lontano.

Per evitare che diventino troppo maturi prima di raggiungere il negozio, i coltivatori li raccolgono quando sono ancora verdi . Inoltre, riferiscono i ricercatori americani, si usa un gas per innescare la maturazione dopo che i pomodori sono stati conservati a basse temperature. Il problema è che il freddo degrada il sapore, dice Bai.

Nel tentativo di migliorare questo aspetto, il suo team insieme a colleghi del Dipartimento dell'Agricoltura e dell'Università della Florida ha sviluppato un metodo leggermente diverso. "Per produrre un pomodoro più gustoso abbiamo aggiunto un pretrattamento in acqua molto calda al solito protocollo dei coltivatori", spiega. "Abbiamo scoperto che questa fase di pretrattamento previene la perdita di sapore" da gelo.

Descrivendo il processo più in dettaglio, il ricercatore spiega che il team ha immerso pomodori verdi della Florida in acqua calda per cinque minuti, lasciandoli poi raffreddare a temperatura ambiente. Dopodiché gli ortaggi sono stati refrigerati per la spedizione. Una volta che gli ortaggi sono giunti a maturazione, i ricercatori li hanno testati per valutare sapore e aroma.

Così si è scoperto che quelli 'riscaldati' prima del raffreddamento avevano livelli più elevati di composti aromatici (6-metil-5-hepten-2-one, 2-methylbutanal e 2-feniletanolo) rispetto agli altri. E anche il sapore era migliore. Il raffreddamento "sopprime la produzione di ossigeno, azoto e zolfo, e di 13 importanti componenti aromatiche del sapore". Il trattamento consente "concentrazioni più elevate di questi importanti elementi".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza