cerca CERCA
Sabato 27 Novembre 2021
Aggiornato: 23:41
Temi caldi

Food: si chiude edizione 2017 del Master della cucina italiana

19 giugno 2017 | 12.41
LETTURA: 3 minuti

alternate text

I ristoranti stellati italiani aprono le porte agli allievi del Master della cucina italiana edizione 2017. Tutti i 16 aspiranti cuochi (14 uomini e 2 donne) che hanno frequentato la scuola di alta formazione di Esac Spa (al Centro formazione Esac Confcommercio di Creazzo), e che hanno concluso le 800 ore di corso, svolgeranno infatti il loro tirocinio di quattro mesi in un locale stellato. Fin dalla prima edizione del corso, datata 2013, questa scuola di alta formazione è stata il trampolino di lancio nella ristorazione di qualità per quasi 90 ragazzi (l’età media è 28 anni), provenienti da tutta Italia.

Alcuni di loro lavorano ora nelle brigate di cucina dove hanno effettuato il tirocinio; per altri, questa esperienza ha permesso di cogliere nuove opportunità ad altissimo livello o di avviare un’attività in proprio. Per tutti coloro che hanno voluto rimanere nel mondo della cucina (circa il 95% degli allievi), il Master ha sempre garantito un lineare percorso professionale nel settore. Merito di una formula che negli anni si è rivelata vincente e che è stata studiata e via via migliorata grazie all’impegno del comitato scientifico presieduto da Sergio Rebecca (presidente di Esac Spa), Massimiliano Alajmo (chef 3 Stelle Michelin), Mauro Defendente Febbrari (medico e nutrizionista) e Raffaele Alajmo (ceo di Alajmo Spa).

In questa edizione 2017, nei cinque mesi di corso per 800 ore di lezione, gli allievi hanno incontrato i più noti chef (24 professionisti per un totale di 33 Stelle Michelin), alcuni dei più importanti maestri pasticcieri (tra cui un campione del mondo) e grandi esperti di scienza e cultura dell’alimentazione. In tutto sono stati ben 48, quest’anno, i docenti del corso, a cui si sono aggiunti gli esperti chiamati a svolgere lezioni speciali, oltre alle visite nelle aziende produttive.

Un patrimonio di conoscenze, quello con cui gli allievi sono venuti a contatto, messo a disposizione con un approccio didattico innovativo, che si può sintetizzare nel motto “insegno se imparo con te” e che si è concretizzato in intense giornate di studio caratterizzate da un forte dialogo e scambio tra docente allievo. Una formazione 'su misura', si potrebbe dire, per un numero ristretto di partecipanti.

Anche la cerimonia di chiusura del Master della Cucina Italiana 2017 non poteva che seguire la filosofia consolidata della scuola. Il comitato scientifico ha, infatti, scelto un grande professionista per la Lectio Magistralis “Quando il Cibo è Vita”. Si tratta di Alfonso Iaccarino, del ristorante bistellato 'Don Alfonso 1890' di Sant’Agata sui Due Golfi (Na), un esempio di vocazione, talento e grandissima esperienza per la ristorazione di qualità. Due degli allievi che hanno frequentato il Master hanno potuto godere delle borse di studio messe a disposizione da Banca Mediolanum (primario istituto di credito) e Rader Spa (realtà leader nella distribuzione di materie prime alimentari). Agli allievi è stato consegnato il 'Bilancio delle competenze', un documento che attesta i progressi registrati nelle 800 ore di lezione, mentre l’sttestato di partecipazione si ottiene solo alla conclusione del tirocinio, che inizierà nelle prossime settimane.

Contemporaneamente alla chiusura dell’edizione 2017, si aprono ufficialmente le iscrizioni al Master della Cucina Italiana 2018, che prenderà il via il 15 gennaio e sarà ancora riservato a un massimo di 20 allievi. Nelle prossime settimane si raccoglieranno le candidature, che poi saranno sottoposte a un'attenta selezione, al termine della quale verrà creata una nuova, promettente, 'brigata di allievi', pronta per affrontare questo impegnativo percorso nell’alta formazione.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza