cerca CERCA
Martedì 24 Maggio 2022
Aggiornato: 19:02
Temi caldi

Si fingeva chirurgo estetico e operava in appartamento, denunciata brasiliana a Roma

06 luglio 2020 | 11.47
LETTURA: 1 minuti

alternate text
(fotogramma)

Si fingeva chirurgo estetico svolgendo abusivamente la professione e operava in una stanza di un appartamento nella zona di Torpignattara in condizioni igieniche e sanitarie pessime. I poliziotti del commissariato Esposizione, diretto da Pasquale Fiocco, hanno denunciato una donna brasiliana di 58 anni per esercizio abusivo della professione e arrestato un connazionale di 39 anni per violazione delle leggi sull’immigrazione.

L’indagine è partita il 26 giugno quando negli uffici del commissariato si è presentata una cittadina brasiliana per denunciare una sua connazionale, che nell’aprile di un anno fa le aveva praticato un intervento per modellare i glutei. L'intervento, per il quale la donna aveva pagato 2.000 euro, aveva prodotto pessimi risultati. Gli investigatori, così, hanno chiesto alla vittima di concordare un finto appuntamento per il 4 luglio con il medico abusivo, molto noto tra i transessuali brasiliani, al quale presentarsi con una poliziotta del commissariato che si sarebbe finta sua amica. Una volta arrivate nello "studio", vittima e agente sono state portate al piano sottostante dal medico abusivo, in una stanza utilizzata per gli interventi in pessime condizioni igieniche. I ferri per compiere le operazioni erano contenuti in una borsa che la donna aveva con sé.

A quel punto gli investigatori hanno fatto irruzione nello stabile e hanno identificato l’affittuaria dell’appartamento, nonché tutte le persone che abitavano lì in subaffitto tra cui il finto medico. Al termine degli accertamenti il chirurgo abusivo è stato denunciato in stato di libertà, mentre le altre persone sono state accompagnate all’ufficio immigrazione.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza