cerca CERCA
Giovedì 04 Marzo 2021
Aggiornato: 01:16
Temi caldi

"Siamo a 220", poi lo schianto

20 maggio 2019 | 07.28
LETTURA: 2 minuti

Tragico incidente a Modena, muoiono due ragazzi. Prima dello schianto il video in diretta Fb. 'Killfie', numeri da brivido

alternate text
(fermo immagine dalla diretta Fb postata da Fausto Dal Moro prima dell'incidente)
(AdnKronos)

L'obiettivo inquadra il quadro dell'auto. Il tachimetro segna prima 200 km orari. Poi schizza a 220. "Questa macchina è un mostro, non si muove" si sente. E poi: "Stiamo andando a Rovigo, ragazzi, al Tomorrowland, in Olanda, ma fagli vedere a quanto andiamo, siamo quasi ai 200, faglielo vedere, faglielo vedere a quanto andiamo". E' sabato sera sull'A1, Milano-Napoli, tra Modena Nord e Modena Sud. A bordo dell'auto, una Bmw 320 ci sono due amici, Luigi Visconti, 39enne originario di Napoli, che guida, e Fausto Dal Moro, di Padova, che riprende in diretta Facebook.

"Adesso siamo a 200, c'è la strada pulita, si va si va, guarda la macchina come va, sta sempre a cannella, 220". "Dai Gigi, vai piano però" dice il suo amico Fausto. L'auto raggiunge facilmente i 220 km orari. Poi si ribalta e si schianta contro il guardrail. La dinamica dell'incidente, scrive 'Il Resto del Carlino', è ancora al vaglio della Stradale. Luigi e Fausto, forse per la forte velocità, perdono il controllo del mezzo andando a sbattere contro il new jersey. Scendono dalla Bmw e vengono falciati e uccisi da un secondo mezzo che in quel momento sta viaggiando sull'A1. Pochi minuti prima di morire avevano postato una diretta su Facebook.

E proprio sul social network si sono riversati decine di commenti degli amici dei ragazzi: "Non posso crederci ieri sera ero in diretta con te ora ho saputo questa brutta notizia - scrive una ragazza sulla bacheca di Fausto - riposa in pace Sei un altro angelo". Tanti, invece, chiedono la chiusura dei profili Facebook dei due ragazzi, sommersi da una valanga di insulti: "Chiudete il profilo di questo ragazzo, a che servono tutti i commenti? - si chiede un ragazzo -. Purtroppo le bravate a volte diventano tragedie".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
L´ informazione continua con la newsletter

Vuoi restare informato? Iscriviti a e-news, la newsletter di Adnkronos inviata ogni giorno, dal lunedì al venerdì, con le più importanti notizie della giornata

Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza