cerca CERCA
Martedì 16 Agosto 2022
Aggiornato: 08:54
Temi caldi

Lo studio

Siamo attratti da volti più 'sani', anche se solo in apparenza

13 febbraio 2017 | 19.40
LETTURA: 4 minuti

alternate text
Esempi di variazione di colore prima della cura a sinistra e post a destra. In alto con l'integratore, sotto il placebo (Foto Yong Zhi Foo)

Altro che fascino maledetto e dark. Siamo attratti da persone che appaiono più sane, con volti rosei e colorati che sono il 'ritratto della salute'. Anche se, in effetti, è solo apparenza. Lo rivela, alla vigilia di San Valentino, uno studio pubblicato su 'Behavioral Ecology': in particolare nel caso dei maschi caucasici, i volti giudicati più attraenti sono quelli con una pelle rosata o dorata. Anche se questa colorazione non è necessariamente un segnale effettivo di buona salute.

Insomma, ad attrarci sono i carotenoidi, pigmenti vegetali rossi e gialli, presenti nella frutta e verdura sulle nostre tavole. E che, se assunti in abbondanza, regalano colore al viso. Precedenti ricerche hanno mostrato che in diverse specie - uccelli, pesci e rettili - le femmine sono più attratte dai maschi colorati. E i ricercatori hanno sostenuto che questo accade perché la colorazione sarebbe un segnale di salute, dal momento che i carotenoidi agiscono come antiossidanti. Insomma, nell'ottica della riproduzione si opta per candidati che appaiono più in salute e in grado di dar vita a una prole sana. Così i ricercatori australiano hanno cercato di capire se ci fosse qualche correlazione anche nell'uomo tra i 'segnali di salute' dei carotenoidi, il fascino e la salute effettiva. Nella ricerca sono stati coinvolti 43 uomini caucasici eterosessuali con un'età media di 21 anni, e un gruppo placebo di altri 20 giovani maschi.

Tutti sono stati fotografati prima, durante e dopo lo studio, per documentare i cambiamenti nel colore della loro pelle. I partecipanti sono stati anche sottoposti a test su livelli di stress ossidativo, funzione immunitaria e qualità dello sperma. A quel punto ai giovani è stata somministrata per 12 settimane una 'cura' a base di integratori di beta-carotene o di 'pillole fasulle' (per il gruppo placebo). Dopodiché sono state ripetute le foto e i test. Sessantasei donne bianche eterosessuali con un'età media di 33 anni dovevano valutare il fascino dei volti pre e post-integratori per ogni partecipante, osservando le immagini al computer.

Risultato? Come previsto, gli integratori di beta-carotene hanno aumentato il colore dorato e il rossore dei visi maschili, ma non la luminosità. Dopo il trattamento i giovani avevano il ​​50% di probabilità in più di essere scelti dalle 'giurate' e giudicati attraenti e più sani rispetto alle foto pre-integratore o al gruppo placebo. Insomma, i supplementi hanno aumentato il fascino dei candidati, ma non la loro salute, dicono i ricercatori. Certo lo studio ha il limite di essersi concentrato sui maschi: ecco perché occorrono ulteriori ricerche per capire se l''effetto colore' funziona anche nelle donne.

Secondo Yong Zhi Foo dell'University of Western Australia, comunque, "il nostro studio è uno dei primi a dimostrare che i carotenoidi possono influenzare l'appeal anche negli esseri umani. Insomma, come hanno mostrato i risultati di precedenti studi, ciò che mangiamo può influenzare il modo in cui appariamo".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza