cerca CERCA
Sabato 18 Settembre 2021
Aggiornato: 22:21
Temi caldi

Sicilia: Cifa-Forma-Cenfop, per lavoro giovani non finanziare enti ma attività

06 luglio 2021 | 11.35
LETTURA: 2 minuti

alternate text
Andrea Cafà presidente di Cifa

Secondo i recenti dati Istat in Sicilia il tasso di occupazione, che quantifica l’incidenza di chi lavora sul totale della popolazione residente, è al 41,5%. Gli inattivi sono 1.556.000 (di cui il 65% donne); 466 mila sono i neet. Con l’avvio della seconda fase di Garanzia Giovani potrebbe aprirsi una prospettiva per questa vastissima platea, con formazione e tirocini a migliorare l’occupabilità. Ma le graduatorie recentemente pubblicate dalla Regione Sicilia non sembrano tener conto delle necessità di chi è in cerca di occupazione. Questo è il punto di vista di Cifa, confederazione datoriale, di CiForma, federazione Cifa che rappresenta enti di formazione in tutta Italia, di Forma Sicilia e di Cenfop Sicilia. Queste associazioni hanno inoltrato all’assessore competente, Antonio Scavone, una nota e una richiesta d’incontro. Scavone è assessore alla Famiglia, alle politiche sociali e al lavoro della Regione Sicilia, oggi presieduta da Nello Musumeci.

Andrea Cafà, presidente di Cifa, ha dichiarato: "La ripartizione a tavolino a pochi enti delle risorse disponibili non risponde a logiche meritocratiche e non garantisce azioni di politiche attive uniformi sul territorio regionale. In un momento così delicato è necessario favorire l’azione diffusa e sinergica di tutte le agenzie per il lavoro al fine di garantire pari opportunità ad aziende e lavoratori che devono scegliere l’agenzia cui rivolgersi in un regime di libera concorrenza fra gli operatori del mercato del lavoro. Ecco perché chiediamo l’immediato ritiro delle graduatorie e l’attivazione, altrettanto immediata, di un avviso a sportello. Serve invertire la tendenza e porre persone e aziende al centro delle politiche di spesa".

Per Gabriele Leanza, presidente di Forma Sicilia, "criteri di selezione quanto meno discutibili e nessuna valutazione sulla capacità organizzativa e sulla disponibilità reale di aziende e disoccupati sul territorio: con questi presupposti la spesa di Garanzia Giovani non può produrre risultati".

Secondo Lucia Alfieri, presidente di CiForma, “si è già virtuosamente sperimentata la metodologia a sportello: l’agenzia che ha disoccupati e azienda pronti ad attivare un tirocinio deve avere la possibilità di concretizzare con velocità l’inserimento; e tutti concorrono fino all’esaurimento delle risorse. Si garantisce così un’azione just in time e si evitano sprechi e lungaggini".

Conclude Massimo Papa, di Cenfop Sicilia: "A una prima disamina della graduatoria, risultano attribuite risorse superiori a quelle previste per gli enti dotati di accreditamento iniziale; inoltre, molte delle istanze finanziate contengono numeri di tirocini e/o di corsi attivabili che sono a dir poco fantasiosi e nessuna garanzia di copertura dei poli produttivi e dei territori a maggiore densità di aziende. Continuiamo così a finanziare enti e non attività".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza