cerca CERCA
Lunedì 25 Ottobre 2021
Aggiornato: 14:56
Temi caldi

Sicilia: stralciati 30 articoli da Finanziaria, discussione in Commissione Ars

01 aprile 2015 | 13.37
LETTURA: 4 minuti

Sono complessivamente 30 gli articoli stralciati dalla Commissione Bilancio dell'Assemblea regionale siciliana dal ddl di Legge di stabilità del Governo Crocetta. Ventisette articoli sono stati stralciati dal documento denominato Gov1, compresi la norma sulle anticipazioni del Tfr e gli articoli sui Liberi consorzi, e tre articoli del documento Gov2. E' quanto annunciato dal Presidente della Seconda Commissione Nino Dina (Udc) all'inizio della seduta alla presenza del Presidente dell'Ars Giovanni Ardizzone e dell'assessore al Bilancio della Regione siciliana Alessandro Baccei. Assente, al momento il Presidente della Regione siciliana, Rosario Crocetta che ha però annunciato il suo arrivo. "Il nostro obiettivo è di pianificare un percorso in vista delle tappe successive. I due documenti finanziari presentati, Gov 1 e Gov 2, non sono certamente esaustivi - ha spiegato Dina - Sono due documenti che affrontano lo sforzo di alcuni tagli, del contenimento della spesa. Dentro i due documenti però abbiamo ritrovato alcune norme che non si sposano bene con le caratteristiche e i presupposti della finanziaria stessa. Quindi, non sono coerenti con le finalità della Finanziaria. Pertanto con gli uffici dell'Ars abbiamo messo in campo un momento di confronto".

L'obiettivo principale dello stralcio dei 29 articoli dalla Finanziaria è quello "di trasferire in altri disegni di legge esistenti - spiega Dina durante la Commissione Bilancio - per le altre norme, che sono interventi di settore, c'è l'intesa di trasfonderlo in un unico disegno di legge che Crocetta vorrebbe chiamare 'Sblocca Sicilia'. E' chiaro che il percorso della Finanziaria al momento non è pianificabile". "Manca ad esempio il bilancio nella sua organizzazione classica con le entrate chiare su cui costruire le uscite, abbiam solo un bilancio che riguarda l'esercizio provvisorio e i 4 dodicesimi dell'esercizio provvisorio approvato. Dovremo creare tappe diverse".

L'intento della Commissione Bilancio è quello di "trasmettere alle commissioni le parti non stralciate del documento finanziario trasmesso dal Governo". "Fermo restando che il completamento del lavoro non potrà farsi se non quando arriverà l'integrazione dei testi con bilancio e allegati", spiega ancora Dina. Ma annuncia: "La Commissione Bilancio lavorerà solo su un documento completo". Insomma, nella Commissione Bilancio di oggi i deputati dovranno "capire cosa resta dentro il testo di finanziaria e quello che verrà trasfuso in un altro testo".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza