cerca CERCA
Domenica 26 Settembre 2021
Aggiornato: 08:22
Temi caldi

Sicura e 'stilosa', MX-30 sempre più centrale per Mazda in Europa

18 novembre 2020 | 17.51
LETTURA: 2 minuti

Ultima 'incarnazione' dei 10 anni del design Kodo la crossover 100% elettrica ora può bvantare anche le 5 stelle Euro Ncap

alternate text

Dopo un primo semestre dell'anno fiscale 2020-21 (che si è chiuso lo scorso 30 settembre) in cui Mazda Motor Corporation ha venduto a livello globale 578.000 unità - con un evidente impatto del Covid-19, soprattutto in Europa, fra aprile e giugno - si conferma il ruolo chiave della MX-30, modello 100% elettrico da poco lanciato anche in Italia, sul quale il marchio giapponese punta per raggiungere in Europa le 196.000 unità vendute nell'anno fiscale, contando sull'interesse crescente per i crossover e per i modelli elettrificati.

La prima auto elettrica di Casa Mazda nei giorni scorsi ha ottenuto da Euro Ncap la valutazione massima di cinque stelle con un punteggio record del 91% per la protezione degli occupanti adulti e un ottimo 87% per la tutela dei bambini, con il punteggio massimo nei test di impatto laterale e nelle prestazioni nei crash test sia per l’impatto frontale sia per quello laterale per i bambini di 6 e 10 anni.

Un risultato tanto più significativo in quanto sono entrate in vigore presso Euro Ncap nuove e più severe valutazioni di resistenza con test più stringenti relativi alla protezione degli occupanti e a una migliore protezione post-incidente, oltre alla valutazione delle più avanzate tecnologie di assistenza alla guida. Peraltro per la casa di Hiroshima le 5 stelle sono una 'prassi' visto che erano già state ottenute da CX-5 (2017), Mazda6 (2018), Mazda3 e CX-30 (entrambe nel 2019).

La MX-30 è solo l'ultima applicazione in ordine di tempo del linguaggio stilistico “Kodo - Soul of Motion”, che in questi giorni festeggia i suoi 10 anni dalla presentazione al Salone di Los Angeles. Si tratta di un approccio stilistico nuovo e audace - annunciato dalla concept car Shinari - che non solo da allora ha caratterizzato ed elevato il design Mazda, ma ha anche permesso al marchio di affinare la sua immagine sempre più 'premium'. Oltre a far conquistare alla casa di Hiroshima numerosi premi, tra cui il World Design Car of the Year 2020 per la Mazda3.

Nonostante sia stato declinato su numerosi modelli, tutti diversi, l’idea essenziale alla base del Kodo design è rimasta invariata: esplorare la bellezza del movimento naturale in un oggetto statico.

La parola Kodo si traduce letteralmente come “battito cardiaco”, ma con il significato aggiuntivo di dare vita a qualcosa, di infondergli un’anima. “In Giappone, riteniamo che gli artigiani infondano vitalità in ciò che realizzano. Siamo convinti che una forma realizzata con cura e sincerità da mani umane riceva un’anima”, ha spiegato Ikuo Maeda, capo del design della Casa giapponese.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza