cerca CERCA
Giovedì 28 Ottobre 2021
Aggiornato: 04:40
Temi caldi

Sindaco di Cosenza pronto a chiudere scuole per emergenza rifiuti

22 febbraio 2014 | 21.30
LETTURA: 2 minuti

alternate text

Non è da escludere che il sindaco Mario Occhiuto possa emettere un'ordinanza sulla chiusura delle scuole per il rischio igienico-sanitario a cui la cittadinanza è sottoposta. Lo ha reso noto personalmente nella conferenza stampa sull'emergenza rifiuti convocata d'urgenza questa mattina a palazzo dei Bruzi.

"La situazione -ha affermato- non è più accettabile sul piano della salute pubblica come pure per l'incolumità delle persone, visti alcuni incendi che si sono verificati. Sia chiaro: io non sono disposto a prendermi al riguardo delle responsabilità personali perché è dal primo giorno del mio mandato che ho affrontato il problema".

Occhiuto spiega: "Ho rimodulato il progetto della raccolta esistente con un metodo spinto per ridurre drasticamente i rifiuti che vanno in discarica. Abbiamo dovuto convincere il soggetto gestore formando il personale addetto, abbiamo firmato una convenzione con il Conai che ci garantisce dati certi sulle percentuali della differenziata. Stiamo quindi portando avanti una precisa attività progettuale, come unica città della Calabria che, partendo da zero, ha già raggiunto il 40% della raccolta differenziata e che ha proposto inoltre un centro di riciclo il cui finanziamento è stato bocciato dalla Regione''.

''Insomma - ha aggiunto Occhiuto - l'80% del mio impegno giornaliero da Sindaco è sempre stato rivolto a questo aspetto della vita amministrativa. Ma, per legge, al momento non abbiamo potere decisionale di risoluzione per l'emergenza in corso in quanto è la Regione Calabria che deve comunicarci i siti dove andare a conferire il residuo. Ora, hanno sì firmato un emendamento che dà a Calabria Maceri la facoltà di farci conferire presso il loro impianto, ma di fatto Calabria Maceri non ci ha ancora autorizzati. Era in virtù di questo che ho siglato un'ordinanza per stoccaggio temporaneo".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza