cerca CERCA
Domenica 14 Agosto 2022
Aggiornato: 00:08
Temi caldi

Siparietto Conte ad Accumoli, invita signora a pranzo ma lei declina

11 giugno 2018 | 17.15
LETTURA: 3 minuti

alternate text
(AdnKronos)

Simpatico siparietto, ad Accumoli, tra il presidente del Consiglio Giuseppe Conte e due anziane terremotate, la più battagliera delle due -la signora Mirella- protagonista di un piccolo show col premier in visita nelle aree messe in ginocchio dal terremoto dell'agosto 2016. Il presidente del Consiglio arriva in auto nella piazzola dove sorgono le casette che accolgono i terremotati rimasti senza casa. Dall'alto, dalla fila di case che sovrasta di una decina di metri la piazzola dove sono raccolti cronisti, cameramen e fotografi attorno a Conte, le due vecchine fanno capolino dalla rete: "presidente - grida la signora Mirella - salga su, ci venga a trovare. Noi siamo migranti, nessuno ci fila, siamo dimenticati... Su, salga su che le faccio il caffè".

La salita è ripida, tanto che Conte alza il capo e ironizza: "Signora, fossi stato più giovane sarei salito su, ma non ho più l'età. Vi invito a pranzo però". Ma sono le 15 passate, la signora Mirella risponde tutta d'un pezzo: "A quest'ora? Chi non ha pranzato a quest'ora è già morto da un pezzo", sollevando le risate dello stesso Conte, del suo staff, dei media presenti e delle forze dell'ordine spiegate per l'occasione. Così il presidente imbocca la salita e raggiunge le due anziane per una breve visita nella casa della signora Mirella.

Poco dopo si allontana per un incontro con la cittadinanza nella struttura aggregativa 'Accupoli'. La signora Mirella non lo segue e resta nella sua casetta, le foto dei suoi cari incorniciate sui pochi mobili che decorano le quattro mura. Cos'ha detto al premier? "Quello che dico a tutti - risponde laconica - 'se dessero da fa'. Col sorriso, ma qui son due anni che si è smesso di vivere... Tentiamo di raccontarla con un sorriso, ma questa non è più vita: è sopravvivenza".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza