cerca CERCA
Lunedì 03 Ottobre 2022
Aggiornato: 19:14
Temi caldi

Siria: attivista assiro, salvare biblioteca vescovo Yuhanna ad Aleppo

27 maggio 2015 | 10.57
LETTURA: 2 minuti

Rapito il 22 aprile del 2013, il vescovo aveva creato una biblioteca con oltre 18mila volumi

alternate text
Barricate ad Aleppo - (foto AFP)

Salvare la biblioteca del vescovo siro-ortodosso Yuhanna Ibrahim ad Aleppo. E' questo l'appello lanciato dal direttore dell'Osservatorio assiro per i diritti umani, Jamil Diarbakarli, ricordando che la biblioteca è stata colpita domenica da un colpo di mortaio. Per Diarbakarli è a rischio "un prezioso patrimonio culturale e teologico mondiale" che il vescovo Yuhanna, rapito il 22 aprile del 2013, ha raccolto nell'arco di mezzo secolo. In un'intervista ad Aki-Adnkronos International, l'attivista spiega che "i danni riportati all'edificio sono solo strutturali, ma la biblioteca contiene manoscritti antichi e libri rari che il vescovo Yuhanna ha impiegato 45 anni per raccogliere".

In tal senso, Diarbakarli lancia "un appello a tutti gli intellettuali perché chiedano alla Chiesa siriaca di proteggere questa e le altre biblioteche salvandole dalla distruzione. La biblioteca del vescovo Yuhanna è in pericolo - aggiunge - chi potrà salvarla?".

Un colpo di mortaio ha colpito domenica il vescovato siro-ortodosso di Aleppo e in particolare il piano dove si trova la biblioteca del vescovo, rapito più di due anni fa da un gruppo di uomini armati. La biblioteca contiene oltre 18mila titoli in varie lingue e un gran numero di manoscritti.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza