cerca CERCA
Venerdì 20 Maggio 2022
Aggiornato: 11:47
Temi caldi

Siria: chi e' Hajjar, il primo candidato alle presidenziali/scheda

23 aprile 2014 | 18.00
LETTURA: 2 minuti

(Aki) - Il parlamentare siriano Maher Abdel Hafiz Hajjar e' il primo candidato alle elezioni presidenziali siriane che il regime di Damasco ha annunciato per il prossimo 3 giugno nel mezzo del conflitto esploso nel Paese dopo l'inizio nel marzo del 2011 di inedite proteste antigovernative. Hajjar, originario di Aleppo, e' tra gli esponenti del Partito della volonta' popolare, la forza politica di sinistra dell'ex vice premier con delega all'Economia, Qadri Jamil, rimosso dall'incarico alla fine dello scorso ottobre.

Hajjar, in passato tra i leader del Partito comunista siriano, ha presentato oggi la sua candidatura e subito il Partito della volonta' popolare ha preso le distanze dal parlamentare. In una nota riportata dal sito web Kassioun legato alla forza politica che nel 2012 e' entrata nel governo di Damasco, il partito afferma che si e' trattato di un'iniziativa personale e che la candidatura di Hajjar non e' in rappresentanza della forza politica. Nel comunicato si sottolinea inoltre come il parlamentare non partecipi piu' dal 2013 alle assemblee del gruppo. La sua candidatura potrebbe essere una delle tante mosse del regime per dimostrare che al voto si presentano piu' candidati.

Il leader siriano Bashar al-Assad, al potere dal 2000, non ha ancora annunciato ufficialmente la sua candidatura alle elezioni per conquistare un terzo mandato di sette anni alla presidenza. Secondo fonti bene informate interpellate da Aki - Adnkronos International, sara' il partito Baath - al potere da decenni nel Paese arabo - a presentare nei prossimi giorni la candidatura di Assad. Le presidenziali del 3 giugno, le prime ''multipartitiche'' in Siria, sono una ''farsa'' per la Coalizione nazionale siriana, principale blocco dell'opposizione al regime di Damasco. L'annuncio delle elezioni, che presumibilmente si svolgeranno solo nelle zone della Siria sotto il controllo delle forze del regime, e' stato duramente criticato anche dalla Lega Araba e dalle Nazioni Unite.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza