cerca CERCA
Sabato 28 Maggio 2022
Aggiornato: 10:07
Temi caldi

Siria: Damasco contro Ue, no uso fondi congelati per distruzione armi chimiche

12 febbraio 2014 | 19.09
LETTURA: 2 minuti

Beirut, 12 feb. - (Adnkronos/Aki) - Una dura presa di posizione e' arrivata da Damasco contro la proposta dell'Ue di usare i fondi congelati del regime per finanziare lo smantellamento del suo arsenale chimico. Secondo una fonte anonima del ministero siriano degli Esteri, citata dall'agenzia ufficiale Sana, si tratta di una "palese violazione del diritto internazionale" e di un atto con cui Bruxelles "viene meno al suo impegno internazionale a finanziare le operazioni di distruzione delle armi chimiche siriane".

Il commento arriva dopo che i ministri degli Esteri dell'Ue hanno proposto l'utilizzo dei fondi congelati della Banca centrale siriana e di altri enti statali per contribuire al finanziamento della distruzione delle armi chimiche. Secondo l'Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche (Opac), la distruzione del materiale chimico dell'arsenale siriano richiede tra i 25 e i 30 milioni di euro, ma e' incalcolabile l'ammontare dei costi aggiuntivi.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza