cerca CERCA
Venerdì 21 Gennaio 2022
Aggiornato: 11:42
Temi caldi

Siria: direttore radio 'libera', paura del regime ma sogno paese democratico (2)

17 febbraio 2014 | 12.53
LETTURA: 2 minuti

(Aki) - Anche se la sede principale di radio 'al-Kul' e' a Istanbul, l'emittente ha uffici anche all'interno della Siria. "Trasmettiamo due ore al giorno tramite le frequenze Fm di radio "Hawa Smart' e altre due tramite 'Syrnet'. Siamo in onda poi sul web in streaming 24 ore al giorno", sottolinea Sukar. A finanziare queste radio sono "ong, ministeri degli Esteri e uomini d'affari siriani", continua il direttore, precisando che radio 'al-Kul' vive grazie ai contributi di un gruppo no profit del quale non ha voluto fare il nome. Secondo il 'Nyt', alcune di queste radio hanno ricevuto aiuti economici dal governo degli Stati Uniti.

Sukar non nasconde le difficolta' e le paure legate alla sua professione, denunciando in particolare i rischi dei propri uomini in Siria. "Ogni giorno ha le sue difficolta', sono troppe per poterle elencare. La piu' grande e' quella della sicurezza, soprattutto della gente che e' rimasta in Siria", dichiara il direttore che dice di temere la risposta del "regime, che e' la radice di tutto il male".

Ma la spinta ad andare avanti e' forte, malgrado le pressioni, e Sukar non e' disposto a indietreggiare neanche un centimetro finche' con la radio non avra' consegnato il suo 'messaggio': "Voglio dire a tutti i siriani che presto saremo un paese democratico, dove non ci sara' spazio per l'oppressione e la dittatura".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza