cerca CERCA
Mercoledì 20 Ottobre 2021
Aggiornato: 04:02
Temi caldi

Gentiloni: "No escalation"

14 aprile 2018 | 11.06
LETTURA: 2 minuti

alternate text
Fotogramma

"L'azione di questa notte è una risposta motivata all'uso di armi chimiche a Duma e purtroppo non è la prima volta che si utilizzano" da parte del regime di Assad. Lo ha detto il premier Paolo Gentiloni, nelle sue dichiarazioni a palazzo Chigi sull'attacco compiuto in Siria da Usa, Francia e Gran Bretagna.

Le armi chimiche, ha sottolineato il premier, "sono inaccettabili, non degne della nostra civiltà. Non le possiamo più tollerare. E questo impegna l'intera comunità internazionale a moltiplicare gli sforzi per impedire e prevenire l'utilizzo di armi chimiche", ha aggiunto Gentiloni.

"L'azione di questa notte - ha detto il premier - è stata circoscritta, mirata a colpire le capacità di fabbricazione e diffusione di armi chimiche. Non può e non deve essere l'inizio di una escalation. Questo è quanto l'Italia ha ribadito e continuerà a ribadire".

Gentiloni ha poi precisato che l'operazione non è partita da basi italiane. "Abbiamo insistito e chiarito", ha spiegato, che il supporto logistico fornito dall'Italia agli alleati, e in particolare agli Stati Uniti, non può tradursi nel fatto che dal territorio italiano partano "azioni direttamente mirate a colpire la Siria".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza