cerca CERCA
Mercoledì 16 Giugno 2021
Aggiornato: 01:01
Temi caldi

Siria: Jarba, rapporti strategici con Usa e no-fly zone a tutela civili

12 maggio 2014 | 11.40
LETTURA: 3 minuti

(Aki) - Il presidente della Coalizione nazionale siriana di opposizione Ahmad Jarba ha auspicato relazioni strategiche con gli Stati Uniti e la creazione di una no-fly zone per proteggere i civili dai raid aerei in un'intervista esclusiva ad al-Arabiya in vista di un prossimo incontro con il presidente americano Barak Obama. ''Noi siamo la terza via rispetto a questo regime (di Damasco, ndr) e agli estremisti. C'è la possibilita' di relazioni strategiche (con Washington, ndr) in modo che possiamo essere la terza via'', ha affermato Jarba nell'intervista che sara' trasmessa integralmente nel corso della settimana. In merito alla creazione di una no-fly zone o al rifornimento di missili anti aerei ai ribelli, Jarba ha risposto di preferire ''una no-fly zone''. Il regime siriano ha usato piu' volte ''barili bomba'' su varie citta' del Paese come offensiva contro le roccaforti ribelli. Questo ha avuto effetti devastanti sulla popolazione civile.

Jarba ha quindi condannato ''il silenzio del mondo'' rispetto al ruolo dell'Iran e del movimento sciita libanese di Hezbollah nel conflitto siriano, dove dal marzo 2011 sono state uccise almeno 150mila persone, secondo dati Onu. ''I colloqui si concentrano sempre sull'Isis (lo Stato islamico dell'Iraq e del Levante, ndr) senza mai menzionare l'Iran e il terrorismo di Hezbollah'', ha detto ad al-Arabiya.

La settimana scorsa Jarba è giunto a Washington, dove ha incontrato il Segretario di Stato John Kerry. E' previsto che incontri anche Obama. La sua visita negli Usa coincide con la decisione americana di riconoscere il principale gruppo dell'opposizione come una missione diplomatica straniera.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza