cerca CERCA
Martedì 06 Dicembre 2022
Aggiornato: 14:33
Temi caldi

Siria: Unrwa, preoccupati per bambini Yarmuk, ritrovare leadership morale

02 aprile 2015 | 12.25
LETTURA: 2 minuti

Il portavoce dell'agenzia dell'Onu Chris Gunness ad Aki - Adnkronos International: "Bisogna ritrovare la leadership morale, politica e diplomatica".

alternate text

"Estrema preoccupazione" arriva dall'Unrwa, l'agenzia Onu che assiste i profughi palestinesi, per la situazione a Yarmuk, il campo profughi alle porte di Damasco da dove da ieri arrivano notizie di scontri dopo l'avanzata dei combattenti del sedicente Stato Islamico (Is). Chris Gunness, portavoce dell'Unrwa, in un colloquio telefonico con Aki - Adnkronos International da Gerusalemme sottolinea come questa mattina a Yarmuk ci sia una "atmosfera molto tesa con violenti combattimenti" tra i gruppi armati presenti nell'area.

"Siamo estremamente preoccupati - dice - e chiediamo a tutte le parti di rispettare l'obbligo di proteggere i civili" siriani e palestinesi. "Siamo particolarmente preoccupati per i bambini, 3.500 ad oggi nel campo, che possono rimanere uccisi o feriti a causa dei combattimenti", prosegue Gunness. Secondo l'Onu, nel campo di Yarmuk restano intrappolati circa 18mila civili palestinesi e siriani.

Ieri l'Unrwa, che si occupa dei servizi per la popolazione di Yarmuk, ha chiesto la "fine dei combattimenti e il ritorno a condizioni che consentano al suo staff di sostenere e assistere i civili" del campo, una comunità sotto assedio da anni. Nel colloquio con Aki, Gunness sottolinea come sia tempo per gli "attori politici" di dimostrare "leadership morale, diplomatica e politica" per "porre fine al massacro in Siria", un Paese insanguinato da un conflitto che si trascina dal 2011, scoppiato sulla scia delle inedite proteste antigovernative del marzo di quell'anno.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza