Cerca

Manovra, Moscovici: "Chiesto aggiustamento ragionevole a Italia"

ECONOMIA
Manovra, Moscovici: Chiesto aggiustamento ragionevole a Italia

(Afp)

Per evitare l'apertura di una procedura contro l'Italia per deficit eccessivo "siamo nei tempi e nello spirito di un dialogo che potrebbe concludersi positivamente. La Commissione non chiede all'Italia un aggiustamento di bilancio irrealistico ma ragionevole e progressivo". Lo ha affermato il commissario Ue agli Affari Economici Pierre Moscovici in un'audizione in videoconferenza con le commissioni Esteri, Bilancio, Finanze e Politiche Ue di Senato e Camera.


"Non vogliamo giudicare l'Italia con troppa fretta" anche se "ha naturalmente un posto particolare nella nostra agenda -ha affermato-. Abbiamo avuto numerose riunioni con Padoan, questo rapporto di fiducia è un fatto decisivo per noi". "Il sistema bancario italiano è percepito come relativamente vulnerabile: le riforme hanno dato risultati ma non sono concluse. Ora l'Italia deve concentrarsi sulla qualità degli asset", ha aggiunto.

A margine della miniplenaria del Parlamento Europeo, successivamente, Moscovici ha evidenziato che "tornare indietro sull'euro, abbandonarlo, sarebbe per le economie che lo hanno adottato, una forma di sconfitta collettiva, per non dire un suicidio. Disfare l'euro sarebbe come spararsi non un proiettile, ma due proiettili nei piedi".

"Non abbiamo bisogno di meno euro - continua Moscovici - ma di più euro. L'euro protegge, è una sicurezza e dà stabilità, ma ha bisogno di spinte: di politiche di investimenti, di protezione contro la disoccupazione. La Commissione nel prosieguo del dibattito porrà queste sfide e proporrà dei passi avanti ambiziosi. E bisognerà anche che gli Stati membri si assumano le loro responsabilità in questa questione".



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.