Cerca

Erp Italia chiude il 2016 con +28% Raee gestiti

ECONOMIA
Erp Italia chiude il 2016 con +28% Raee gestiti

Gestite 34.209 tonnellate di Raee (Rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche), con un aumento del 28% nei volumi trattati rispetto alle 26.759 tonnellate al 31 dicembre 2015, e circa 1385 tonnellate di Rpa (Rifiuti pile e accumulatori). Sono i risultati positivi del 2016 raggiunti da Erp Italia, filiale italiana della European Recycling Platform.


L’incremento quantitativo di circa 7.500 tonnellate realizzato nella raccolta dei Raee porta a 236.231 le tonnellate di questa tipologia di rifiuti gestita da Ero Italia in 8 anni di operatività sul territorio nazionale (2008-2016).

Entrando nello specifico della composizione dei Raee trattati, spicca la crescita a doppia cifra dei “grandi bianchi” (lavatrici, asciugatrici lavastoviglie ecc.) raggruppati nel comparto R2, con 13.889 tonnellate raccolte che rappresentano un +47% rispetto al risultato 2015.

Lieve flessione, invece, nel comparto R3 (televisori e monitor), dovuta al lento passaggio verso la raccolta di Tv e monitor a schermo piatto, che hanno un peso inferiore rispetto agli apparecchi a tubo catodico.

Per quanto riguarda la gestione delle batterie portatili esauste di provenienza domestica, Erp Italia ne ha raccolte circa 1.385 tonnellate, portando a 6.914 tonnellate i rifiuti da pile e gli accumulatori sottrattati all’impatto sull’ambiente e smaltiti a norma dal 2010 a oggi.

Alessandria con 160.214 kg si è aggiudicata la palma della provincia più virtuosa nella raccolta di Rpa, seguita da Torino con 140.403 kg e Arezzo con 104.610 kg. Inoltre, i dati di chiusura 2016 evidenziano una crescita cospicua nel segmento dei Raee professionali raccolti all’interno dei servizi dai servizi di conformità ambientali erogati dal sistema collettivo, i cui volumi sono passati in un anno da 282 a 486 tonnellate (+72%).



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.