Cerca

Avvocato Corte Ue: "Stati possono imporre licenza a Uber"

ECONOMIA
Avvocato Corte Ue: Stati possono imporre licenza a Uber

(Xinhua)

Gli Stati membri dell'Ue possono imporre a Uber l'obbligo di conseguire le licenze per il servizio taxi. E' la conclusione cui è giunto l'avvocato generale della Corte di Giustizia dell'Ue, Maciej Szpunar, nella causa che vede la multinazionale californiana contrapposta ad un'associazione professionale di tassisti spagnoli.


Le conclusioni dell'avvocato generale non vincolano la Corte, che decide in piena indipendenza, ma indicano una soluzione giuridica nella causa. 

Per l'avvocato generale, pur rappresentando un'idea "innovativa", Uber rientra nel settore dei trasporti, pertanto può essere obbligato a possedere le licenze e le autorizzazioni richieste dal diritto nazionale. La multinazionale californiana non beneficia infatti del principio della libera prestazione dei servizi, che è garantito dal diritto dell'Unione ai servizi della società dell'informazione.

UBER - "Abbiamo ricevuto il parere e attendiamo ora la decisione finale, nel corso dell'anno. Essere considerati una società di trasporto non cambierebbe il modo in cui molti Paesi europei già oggi regolano le nostre attività". Ad affermarlo in una nota è Uber commentando le conclusioni dell'avvocatura Generale e Corte di Giustizia Europea.

"Ci auguriamo, tuttavia, che questo non rallenti i necessari processi di aggiornamento di leggi datate che impediscono a milioni di europei di accedere a corse affidabili con un semplice clic", conclude ancora Uber.



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.