Cartelle rottamate, ultimo mese per la rata

ECONOMIA
Cartelle rottamate, ultimo mese per la rata

(Fotogramma)

Rottamazione cartelle, nuova scadenza in arrivo. I contribuenti che hanno aderito alla Definizione agevolata scegliendo la via della rateizzazione hanno ancora un mese di tempo per mettersi in regola. Il pagamento della seconda rata dovrà essere effettuato entro il 30 settembre, o meglio, entro il 2 ottobre, dal momento che il termine fissato cadrà di sabato.


La legge infatti consente di pagare le somme dovute non solo in un'unica soluzione ma anche a rate, fino ad un massimo di 5, così distribuite: la prima con scadenza (ormai passata) a luglio 2017 (24% del dovuto), la seconda - come appena anticipato - entro settembre 2017 (23% del dovuto), la terza entro novembre 2017 (23% del dovuto), la quarta entro aprile 2018 (15% del dovuto) e l'ultima rata, la quinta, entro settembre 2018 (15% del dovuto).

Nel complesso, il 70% del dovuto (3 rate) dovrà essere pagato nell'anno 2017 mentre il restante 30% (2 rate) nell'anno 2018. Occhio però, chi ha scelto la rateizzazione dovrà pagare, sulle rate successive alla prima, interessi pari al 4,5% annuo, da calcolare a partire dal 1° agosto 2017. Come e dove pagare?

Si può pagare con i bollettini RAV (precompilati in base alla scelta effettuata dal contribuente al momento della compilazione del modulo di richiesta) inviati da Equitalia - oggi Agenzia delle Entrate-Riscossione - nella comunicazione insieme al modulo per l'addebito in conto corrente.

È possibile pagare anche presso la propria banca, agli sportelli bancomat (ATM) degli istituti di credito che hanno aderito ai servizi di pagamento CBILL, con il proprio internet banking, agli uffici postali, nei tabaccai aderenti a Banca 5 S.p.a. e tramite i circuiti Sisal e Lottomatica, sul portale o presso gli sportelli dell'Agenzia delle Entrate-Riscossione e, infine, con l'App Equiclick tramite la piattaforma PagoPa.

Per aderire al servizio di addebito diretto su conto corrente è necessario che la richiesta di attivazione del mandato, nel rispetto delle procedure e degli adempimenti previsti dal sistema interbancario, venga presentata alla banca del titolare del conto almeno 20 giorni prima della scadenza della rata.

Dunque, per la scadenza del 30 settembre 2017, il servizio andrà richiesto entro e non oltre il 10 settembre. Nel caso il servizio venga richiesto oltre tale data, l'addebito diretto sul conto corrente sarà attivo dalla rata successiva. In quest'ultimo caso il pagamento della rata in scadenza a settembre dovrà essere eseguito con una delle altre modalità.



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.