Home . Soldi . Economia . Bollette gas prescritte in 2 anni

Bollette gas prescritte in 2 anni

ECONOMIA
Bollette gas prescritte in 2 anni

(Fotogramma)

Dal 1° gennaio 2019 anche per bollette della fornitura del gas si applica la prescrizione biennale. Lo ha annunciato l'Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente, ricordando anche che per le forniture elettriche è già così dal 1° marzo scorso per effetto della Legge di Bilancio 2018. Questo vale sia per i ritardi nella fatturazione per responsabilità del venditore che del distributore.


Se l’impresa con cui avete sottoscritto il contratto per la fornitura del gas si rende conto, dopo due anni, che ci sono dei consumi non fatturati non ne potrà più pretendere il pagamento. Per una maggiore chiarezza nei confronti dei clienti, a partire dal 1° gennaio 2019 le imprese fornitrici dovranno emettere una fattura separata, dove saranno indicati gli importi oggetto di prescrizione perché riferiti a un periodo posteriore ai due anni. Qualora ci fossero importi pregressi a questa data, quindi, il venditore dovrà informare il cliente del fatto che - essendo scaduti i termini per la prescrizione - potrà anche non pagarne il relativo ammontare. Per lo stesso motivo, nei confronti di quei clienti che hanno l’addebito automatico su conto corrente bancario o postale bisognerà escludere gli importi ormai oggetto di prescrizione. Sarà il cliente stesso, infatti, a decidere se pagare o no quanto dovuto. Attenzione, però, quanto detto vale solo quando il ritardo della fatturazione è imputabile al venditore o al distributore.

Se, invece, vi è la presunta responsabilità del cliente, questo dovrà pagarli. In alternativa è possibile inviare un reclamo al venditore e sarà quest’ultimo a decidere se rinunciare o no ai crediti prescrittibili.



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.