Spazio, Pasquali (Leonardo): "Big spingono su Programma post 2020"

ECONOMIA
Spazio, Pasquali (Leonardo): Big spingono su Programma post 2020

Luigi Pasquali, Coordinatore Spazio di Leonardo

di Andreana d'Aquino - La spinta che arriva dai Big dello spazio - riuniti oggi a Bruxelles per l'annuale Conferenza sulle Politiche Europee del settore- è "che si arrivi rapidamente a delineare le politiche post 2020" e che si dia "il via libera al nuovo Programma spaziale prima delle prossime europee". E' Luigi Pasquali, Coordinatore delle attività spaziali del Gruppo Leonardo e amministratore delegato di Telespazio, ad evidenziare, intervistato dall'Adnkronos, il clima che si respira fin dalla prima giornata del summit in Belgio.


La Conferenza, una intensa due giorni di confronti fra istituzioni e industrie, cade dunque "in un momento di passaggio importante perchè, spiega Pasquali, "il Parlamento europeo sta procedendo all'approvazione" di quelli che saranno i perimetri delle attività in orbita europee dal 2021 e fino al 2027. "Alla conferenza di Bruxelles l'auspicio un po' di tutti è che il nuovo Programma sia approvato" e intorno "si respira aria di ottimismo" riferisce.

E' tutto l'insieme, secondo il manager, ad essere strategico visto che "si sta vivendo l'ultimo capitolo di questo esecutivo europeo" e non bisogna tralasciare le conseguenze della Brexit. La Gran Bretagna, ricorda infatti, "da sola ha coperto fino ad oggi il 10-12% del budget spaziale complessivo dell'Unione", fondi che "verranno a mancare". E in questo quadro, Pasquali ritiene perciò "molto positivo" il budget da 16 miliardi di euro proposto dalla Commissione Europea per mantenere la leadership in orbita dell'Unione anche nei prossimi anni.

"E' un budget consistente e qui a Bruxelles si raccoglie ottimismo ed un buon livello di adesione al nuovo Piano spaziale Ue" anche "da parte del Governo italiano che appoggia questa programmazione" afferma Pasquali. "Ci auguriamo quindi continuità per il settore perchè in Europa è stato fatto molto bene". Insomma, Pasquali non mostra dubbi sul fatto che in Ue lo spazio si confermi come "un settore prioritario, dove si produce molta innovazione" e "un consistente sviluppo delle nuove tecnologie digitali", a cominciare dall'Intelligenza Artificiale. Ma non solo. "Sul tavolo c'è anche una solida fetta di economia".

"Anche in Italia -rileva- siamo dotati di un impianto industriale mo lto ampio e diamo atto al Governo di una governance efficace e rapida" oggi gestita dal Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Giancarlo Giorgetti che ha la delega di Palazzo Chigi sulla space economy nazionale. Infine, per i prossimi passi, Pasquali rimarca che Leonardo ha lo sguardo dritto "sull'innovazione tecnologica, sulla sicurezza dei dati e sui servizi perchè le infrastrutture spaziali generano sviluppo: per noi come industria e per il sistema Paese".



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.