Cerca

"Via 80 euro e detrazioni ingiuste per finanziare flat tax"

ECONOMIA
Via 80 euro e detrazioni ingiuste per finanziare flat tax

(FOTOGRAMMA/IPA)

Sul rilancio del vicepremier Matteo Salvini sulla flat tax, "mi stupisce lo stupore di chi ha commentato. Era stato deciso così fin dai tempi del programma". A dirlo è il sottosegretario all'Economia, Massimo Garavaglia, in un'intervista a 'La Verità'. Sulla possibilità di un altro rilancio dopo che, per il prossimo anno, è previsto che la mini flat salga a 100mila euro, "la mini flat - spiega- riguarda partite Iva e imprese; questa riguarda i dipendenti".


"Era già previsto di passare alla fase due per i lavoratori dipendenti. Siccome - sottolinea - ci hanno criticati dicendo che creavamo una differenza tra partite Iva e dipendenti, noi la stiamo riducendo. Non ci si può criticare in entrambi i casi". Alla domanda su come si possa immaginare questo intervento senza immaginare una manovra correttiva, questa, spiega il sottosegretario, "è quella che fa partire l'economia ed è quella che stiamo già facendo senza costi. In questi pochi mesi, abbiamo un dato molto incoraggiante: aumentano del 16% gli investimenti pubblici. La spesa aggiuntiva delle Regioni è addirittura arrivata a +85%, quella dei Comuni a +22%".

80 EURO - All'accusa mossa di proposta choc di sapore elettorale, "è un'accusa davvero senza senso - risponde -. Si parla di provvedimenti che vanno nella prossima manovra. Impatteranno sulle tasche degli italiani il prossimo anno" aggiunge. "Non ci sono bacchette magiche,il sistema non è solo complesso, di più. Le do un dato. Dare 80 euro in più in forma di bonus è stato un problema per i conti dello Stato. Si sono creati effetti paradossali". E, sottolinea, "se quella cifra diventasse una detassazione otterremo due risultati in un colpo: abbassare la pressione fiscale e la spesa dello Stato". E se poi si fa "un'indagine su quanto sono le detrazioni concesse a vario titolo con la logica dei bonus si scopre che si arriva a 48 miliardi".



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.