Cerca

Alitalia, Patuanelli: "Evidente no offerte vincolanti domani"

ECONOMIA
Alitalia, Patuanelli: Evidente no offerte vincolanti domani

(Fotogramma)

"E' abbastanza evidente che domani non arriveranno offerte vincolanti" per Alitalia. "I due comunicati di Atlantia e Fs non sono concludenti né decisivi. Bisogna aspettare quello che il gruppo Fs scriverà ai Commissari e poi quello che scriveranno i Commissari al ministero. Poi vedremo quali sono le condizioni e prossimi passi da fare". Così il ministro dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli ai microfoni di Class Cnbc.


Per il ministro "c'è ancora un margine rispetto ai due partner tecnici che hanno mostrato interesse" per Alitalia che sia dunque Delta o Lufthansa. "Secondo me ci sono ancora i margini per arrivare ad una conclusione", aggiunge sottolineando la necessità di arrivare al closing entro marzo. Patuanelli, infatti, ribadisce la sua intenzione "di non spostare quel termine" auspicando che "i due partner tecnici potenziali possano concretizzare il prima possibile" il loro interesse per Alita. Il ministro ricorda che Alitalia "poteva essere un dossier risolto 10 anni fa nel 2009 ma la politica ha impedito che potesse essere risolto".

Per quanto riguarda il peso per le casse dello Stato di Alitalia Patuanelli ricorda che la compagnia "dà lavoro ad 11mila persone più l'indotto e che è uno dei più grandi contribuenti della Regione Lazio e quindi bisogna anche tenere conto di queste cose". Poi un eventuale fallimento di Alitalia "avrebbe un peso sulle casse dello Stato a causa dell'attivazione degli ammortizzatori sociali". Comunque, ricorda ancora Patuanelli, "nessuna grande compagnia ha fatto un'offerta seria di rilancio di Alitalia" anche perché la compagnia "sconta un elemento fondamentale: è troppo piccola per essere davvero una grande compagnia ma troppo grande per essere una piccola compagnia". (

"Nella lettera di ieri Lufthansa chiede cose che si possono ottenere ma l'unica cosa che veramente manca nella sua proposta è la compartecipazione all'equity", dice poi Patuanelli ai microfoni di Class Cnbc. Quanto alla "proposta di Delta è una proposta interessante in cui mancano solo piccoli accorgimenti".

In ogni caso per il futuro di Alitalia "spero ancora nell'interessamento ancora più consolidato dei soggetti che attualmente stanno cercando di costituire il consorzio". E comunque per l'ex compagnia di bandiera "credo che si dovrà passare da una fase di ristrutturazione ma che tenga conto della necessità del mantenimento dei posti di lavoro".



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.