Cerca

Reddito cittadinanza a rischio, cosa fare per il 2020

ECONOMIA
Reddito cittadinanza a rischio, cosa fare per il 2020

(Fotogramma)

Il Reddito di Cittadinanza è a rischio a febbraio per più di un milione di famiglie, come sottolinea notizie.it. Gli aventi diritto potrebbero non ricevere reddito di cittadinanza e della pensione di cittadinanza se prima non aggiornano i dati del proprio ISEE per l’anno 2020.


A dover compiere questa procedura sono più di un milione di famiglie. L’Inps, Istituto Nazionale Previdenza Sociale, ha pubblicato nella giornata di Lunedì 20 Gennaio i dati riguardanti i beneficiari secondo le direttive del governo giallo-verde. L’indicatore presentato l’anno precedente non sarà più valido, quindi sarà necessario la dichiarazione sostitutiva unica (DSU). Per il mese di Gennaio non ci saranno problemi e il 27 del mese gli aventi diritto riceveranno il proprio bonus normalmente.

Per non vedersi sospesa l’emissione del Reddito di cittadinanza i cittadini dovranno aggiornare il proprio Isee mediante due modalità: online sul sito dell’Inps; compilando la DSU nei Caf, ossia i Centri di Assistenza Fiscale.

Proprio i Centri di Assistenza Fiscale, in questi ultimi giorni, sono stati presi d’assalto come dichiarano i coordinatori della consulta dei Caf Mauro Soldini e Massimo Bagnoli: “Molti centri sono in affanno, in migliaia si stanno recando negli uffici dei Caf per aggiornare l’Isee, in alcuni casi abbiamo registrato punte di incremento degli afflussi del 50% rispetto allo stesso periodo del 2019.

Peraltro il tutto sta avvenendo senza che l’Inps abbia rinnovato le convenzioni che stabiliscono le condizioni di rimborso del servizio”.



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.