Cerca

Fed: "Se non si arresta la pandemia economia Usa in pericolo"

ECONOMIA
Fed: Se non si arresta la pandemia economia Usa in pericolo

(Afp)

L'economia statunitense è destinata a riprendersi nella seconda metà dell'anno, ma scenari più pessimistici con nuove infezioni da coronavirus, porterebbero a massicce chiusure di attività e fallimenti. "Una ragionevole prospettiva è che, con l'abolizione di alcune delle restrizioni alla permanenza a casa, l'economia comincerà a crescere di nuovo nella seconda metà di quest'anno e la disoccupazione comincerà a scendere", ha detto la presidente della Federal Reserve Bank di Cleveland, Loretta Mester, durante un evento online tenuto dalla CFA Society di Chicago.


"Entro la fine di quest'anno, la produzione sarà ancora al di sotto del livello della fine dell'anno scorso, del 5% o anche un po' di più, e il tasso di disoccupazione sarà ancora a una sola cifra o a due cifre", ha detto Mester, aggiungendo che c'è "una notevole incertezza" su come sarà la ripresa. "Non è difficile immaginare scenari più pessimistici, soprattutto se un'impennata dei casi di virus renderà necessaria una nuova chiusura dell'attività o se ci saranno molti più danni in termini di fallimenti aziendali e personali o se si verificheranno instabilità nel sistema bancario", ha aggiunto. "A questo punto, penso che alcuni dei risultati più pessimistici siano quasi altrettanto probabili quanto la ragionevole linea che ho appena descritto", ha detto Mester, osservando che la ripresa dipenderà dall'evoluzione del virus e dal successo dei metodi per controllarne la diffusione.

"Dipenderà anche dal successo delle azioni politiche nel garantire che la temporanea interruzione dell'attività non causi danni più persistenti all'economia e che l'economia sia ben organizzata per una ripresa", ha aggiunto il funzionario della Fed, che si aspettava che il tasso di disoccupazione salisse ulteriormente, forse fino al 20 per cento o anche di più, dato che la ricaduta del Covid-19 continua a dilagare nel paese: "Certamente, questo è il peggior e più rapido deterioramento del mercato del lavoro che molti di noi abbiano mai visto", ha detto Mester, le sue osservazioni sono arrivate dopo che il Dipartimento del Lavoro ha riferito la scorsa settimana che i datori di lavoro statunitensi hanno tagliato 20,5 milioni di posti di lavoro in aprile, cancellando un decennio di guadagni di posti di lavoro dalla crisi finanziaria globale e spingendo il tasso di disoccupazione a un record del 14,7 per cento.



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.