Home . Soldi . Finanza . Milano affonda, spread sfreccia a 325

Milano affonda, spread sfreccia a 325

FINANZA
Milano affonda, spread sfreccia a 325

Foto di repertorio (Afp)

La Borsa di Milano affonda a fine seduta dopo che lo spread tra Btp e Bund tedeschi ha superato la soglia dei 320 punti chiudendo a 325. Il Ftse Mib ha terminato gli scambi in calo dell'1,89% a 19.087 punti.

Dopo aver aperto a 311 punti, nel corso della giornata lo spread ha continuato costantemente a salire. Una volta raggiunto 328-329 punti, ha ripiegato fino a chiudere a 325, secondo i dati della piattaforma Mts. Un livello visto l'ultima volta a marzo 2013 e quindi ai massimi da cinque anni. Il rendimento del decennale si è fermato al 3,68%.

La Borsa è tornata ai minimi da febbraio 2017, con il Ftse Mib all'1,89% a 19.087 punti con le banche che hanno ampliato i ribassi. Negative le altre piazze europee, che si sono lasciate trascinare dall'incertezza che regna a Piazza Affari, in attesa che arrivasse la lettera della Commissione Europea al governo italiano. Francoforte ha chiuso in calo dell'1,07% a 11.589 punti, Parigi ha segnato -0,55% e Amsterdam -0,7%. In ribasso anche Madrid (-1,2%) e Londra (-0,39%).

Il clima di isolamento in cui sembra finita l'Italia in Europa, con tutti i rischi per la stabilità dell'Unione, non piace agli investitori, che continuano a vendere titoli e obbligazioni governative italiane. In più, le tensioni tra esponenti del Governo sul condono fiscale rendono lo scenario ancora più vago e incerto.

La Borsa di Wall Street contribuisce al sentiment ribassista: il Dow Jones segna -1,3%, il Nasdaq perde quasi il 2%. A Piazza Affari, le banche sono il comparto più sotto pressione. A parte Buzzi Unicem, che è maglia nera e segna -6,4% a 16,23 euro, Banco Bpm è capofila delle perdite tra i finanziari, con un calo del 5,7%. Seguono Unicredit (-3,4%), Ubi banca (-3,3%), Intesa sp (-3,3%) e Poste (-2,8%). Mps aggiorna i minimi e perde il 2,59% a 1,67 euro. Bim segna -3,4% e Carige -3,6%. Sono

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.