Ottimismo sul commercio spinge le borse europee, Milano +1,9%

FINANZA
Ottimismo sul commercio spinge le borse europee, Milano +1,9%

Le borse europee chiudono la seduta in buon rialzo e continuano il rally avviato ieri dopo le parole del presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, che si è detto ottimista sui colloqui sul commercio con la Cina. Nonostante le incertezze sul fronte della Brexit, le piazze finanziarie d'Europa chiudono positive: Londra sale dell'1%, Francoforte dell'1,38% e Parigi del 2,15%. A Milano, spinta anche dalle indiscrezioni di un possibile accordo fra governo e Commissione europea sulla manovra finanziaria, il Ftse Mib è in rialzo dell'1,91% a 18.945 punti e lo spread in netto calo a 274 punti. Fra le materie prime il prezzo del petrolio rimbalza di oltre un punto percentuale, con il Wti a 52,2 dollari al barile e il Brent a 60,9 dollari. In rialzo il cambio euro/dollaro, a 1,136.


Sull'indice principale della piazza milanese i rialzi sono diffusi su tutti i settori. Prysmian balza del 5%, ma corrono anche le banche, con Intesa Sanpaolo (+4%), Mediobanca (+3,30%) e Unicredit (+2,49%). Tonico il risparmio gestito, con Banca Generali (+4%), Azimut (+3,28%) e Finecobank (+2,66%), le utility e Mediaset (+3,23%).

Rialzi sopra il punto percentuale per Fca, Stm, Recordati, Atlantia, Unipol ed Eni. La maglia nera del listino va a Ferragamo, in calo del 7,32%, sull'uscita del direttore finanziario Ugo Giorcelli e sul report negativo di una banca d'affari. Sempre nella moda Moncler sale del 2,49%.



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.