Cerca

Borse in forte ribasso dopo Fed, Milano -1,93%

FINANZA
Borse in forte ribasso dopo Fed, Milano -1,93%

Chiusura in forte ribasso per le borse europee, che viaggiano in scia a Wall Street e alle piazze asiatiche. A scatenare le vendite è il rialzo dei tassi di interesse deciso ieri dalla Federal Reserve e la prospettiva di nuovi incrementi nel 2019, nonostante il previsto rallentamento dell'economia degli Stati Uniti. La Fed resta quindi ottimista, con un approccio meno accomodante del previsto, rispedendo al mittente le considerazioni politiche del presidente Usa, Donald Trump, che era tornato a chiedere alla banca centrale di evitare un nuovo rialzo di tassi. Debole il biglietto verde, con il cambio euro/dollaro in rafforzamento in area 1,142. Al termine della seduta Londra cede lo 0,80%, Francoforte l'1,44% e Parigi l'1,78%. A Piazza Affari il Ftse Mib segna una flessione dell'1,93% a 18.576 punti, nonostante lo spread sia sceso ancora a quota 251 punti.


Sul paniere principale della piazza milanese soffre tutto il comparto bancario, con Unicredit in calo del 5%. Male anche Intesa Sp (-3,67%), Ubi Banca (-3,35%) e Banco Bpm (-2,59%). Forti vendite su Tim (-4,59%), sul risparmio gestito e sui petroliferi, in scia al tonfo del prezzo del greggio. Saipem cede il 4,57%, Tenaris il 4,31% ed Eni lo 0,89%.

Ribassi oltre i due punti percentuali per Fca, Stm, Cnh industrial, Pirelli, Brembo e Moncler. Rialzi sopra il punto percentuale, invece, per Recordati (+1,54%), a seguito dell'accordo per la commercializzazione di un farmaco, e Ferragamo (+1,10%), mentre le utility limitano i danni.



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.
TAG: borsa, tokyo, fed, ws