Cerca

Borse europee deboli, Milano la migliore

FINANZA
Borse europee deboli, Milano la migliore

Le Borse europee chiudono contrastate, Milano la migliore, dopo che gli investitori sembrano aver già accantonato l'euforia per la ripresa del dialogo Usa-Cina sui dazi e sull'apertura della Fed alla flessibilità sui tassi. Il rapporto euro-dollaro si attesta a 1,146, deciso incremento dei prezzi del petrolio: il Wti sale di quasi il 3% e si avvicina ai 50 dollari al barile.


A fine seduta a Milano l'indice Ftse Mib guadagna lo 0,65% a 18.953; lo spread tra Btp e Bund si attesta a 269 punti base con un rendimento del decennale del 2,91%. Positiva la piazza di Madrid, debole Francoforte, in flessione anche Parigi e Londra - 0,39% i cui parlamentari, secondo fonti di stampa, sono chiamati a votare il prossimo 15 gennaio l’accordo sulla Brexit siglato a novembre.

A Piazza Affari maglia rosa per Stm +3,89%; acquisti sostenuti anche su Azimut +3,86% e per le matricola del Ftse Mib, Amplifon +3,06% e Juventus +2,96%. Bene il comparto bancario (indice +1,70%) - nonostante il caso Carige (titolo sempre sospeso) - con in testa Unicredit che registra un progresso del 2,65%. Sulla parità Leonardo, Enel e Cnh Industrial. Peggior performance del listino principale è Recordati che cede l'1,23%, flessioni di quasi un punto per Pirelli e Campari.



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.