Borse europee chiudono positive, a Milano giù le banche

FINANZA
Borse europee chiudono positive, a Milano giù le banche

Le Borse europee archiviano in progresso la seduta odierna di scambi. Dopo un’apertura all’insegna della cautela, in attesa degli sviluppi sulla questione dazi tra Usa e Cina, le principali piazze del Vecchio continente hanno lasciato spazio all’ottimismo con indici in progressiva crescita, complice il buon avvio di Wall Street.


I guadagni oscillano tra mezzo punto e un punto percentuale: Francoforte segna +0,52% e Londra +0,74%. Parigi, più decisa, chiude a quota +1,15%.

Piazza Affari resta più debole, zavorrata dalle banche che dopo una partenza brillante sulla scia dell’approvazione, da parte del governo, di un decreto legge per Banca Carige, chiudono le contrattazioni in rosso.

Lo spread in chiusura sale e raggiunge quota 273 punti base, rispetto ai 266 registrati in apertura.

Sul listino milanese, Bper è maglia nera e cede oltre due punti percentuali (-2,20% a 3,33 euro per azione), seguita da Ubi (-1,98%), Banco Bpm (-1,85%) e Unicredit (-1,64%). In rosso anche Intesa Sanpaolo, che lascia sul terreno l'1,16%.

Sul fronte opposto, fari puntati su Amplifon: il titolo guadagna il 5,46% attestandosi a 15,65 euro per azione. Bene Finecobank, in crescita del 4,20%. Buona la performance di Brembo (+3,73%), Pirelli (+2,70%) e Ferrari (+3,09%).



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.