Cerca

Piazza Affari in positivo, Saipem e Stm in evidenza

FINANZA
Piazza Affari in positivo, Saipem e Stm in evidenza

(Afp)

Giornata positiva per Piazza Affari, spinta dal comparto bancario e dalla testimonianza resa dal n.1 della Federal Reserve Jerome Powell al Congresso statunitense. Le parole utilizzate dal chairman nel corso del suo intervento hanno lasciato intendere che l’istituto con sede a Washington è pronto a tagliare il costo del denaro. In queste condizioni, tutti gli operatori (il 100% secondo il CME FedWatch Tool) stimano una riduzione dei tassi a stelle e strisce nel meeting in calendario il 31 luglio: per il 73,4% la riduzione sarà nell’ordine dei 25 punti base mentre il 26,6% stima un taglio più corposo di 50pb.


Per quanto riguarda il nostro Paese, la Commissione europea, che oggi ha pubblicato le sue “Previsioni economiche di estate”, ha confermato di attendersi una crescita dello 0,1% nel 2019 e dello 0,7% nel 2020. Tre sono i fattori che, in particolare, freneranno la nostra economia: la debolezza della domanda internazionale, un mercato del lavoro scarsamente dinamico e l’incremento del tasso di risparmio. A favore del Belpaese potrebbe giocare il calo delle tensioni sul debito, destinato a favorire il finanziamento bancario. Per quanto riguarda il Pil della Zona Euro, il dato 2019 è stato confermato all’1,2% mentre sul 2020 la view è stata leggermente rivista al ribasso, dall’1,5 all’1,4 per cento.

A livello di dati macro, numeri sopra le stime quelli arrivati oggi dall’indice che misura l’andamento della produzione industriale italiana. Nel mese di maggio, l’indicatore elaborato dall’Istat ha registrato un incremento dello 0,9% rispetto ad aprile (consenso +0,2%). Ancora segno meno per il dato annuo, in contrazione rispetto a maggio 2018 dello 0,7%.

In questo contesto, il Ftse Mib ha terminato la seduta a 22.044,96 punti, +0,73% sul dato precedente. Tra i bancari spicca il +0,72% di UniCredit, il +1,49% di Ubi Banca, il +1,22% di Intesa Sanpaolo e il +0,82% di Banco BPM. Indicazioni positive dallo spread, in rosso di quasi un punto percentuale a 203 punti. Buone nuove per la carta italiana sono arrivate anche dall’asta di Bot a 12 mesi, il cui rendimento è tornato negativo per la prima volta dal maggio 2018.

Tra gli altri titoli spicca Saipem (+3,4%), che ha annunciato nuovi contratti per oltre 3,5 miliardi dollari e incassato la conferma della valutazione “acquistare” da parte di Kepler, e STMicroelectronics (+1,29%), spinto dal buon andamento del comparto tecnologico statunitense. (in collaborazione con money.it)



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.