Cerca

Ftse Mib in rosso, spread stabile

FINANZA
Ftse Mib in rosso, spread stabile

(Fotogramma)

Dopo una partenza positiva, l’umore della borsa di Milano si è progressivamente deteriorato in scia delle tensioni sui nuovi focolai di contagio in Cina, Stati Uniti e Brasile. Il paniere principale del listino milanese, il Ftse Mib, oggi ha terminato la seduta a 19.485,76 punti, -0,51% rispetto al dato precedente, mentre lo spread con i titoli tedeschi ha segnato una contrazione di quasi un punto percentuale a 182 punti base.


Sul listino di Milano le performance migliori sono state registrate da Mediobanca (+1,79%), Terna (+1,21%) e Prysmian (+1,63%). A spingere quest’ultima è stata la nomina di Jan Schindler, market intelligence manager telecom business del gruppo, a membro del Consiglio di amministrazione di Ftth Council Europe, un organizzazione di settore nata con lo scopo di accelerare la connettività fibre-based in Europa.

Segno meno per Fiat Chrysler (-0,31%) che, il giorno dopo la notizia dell’avvio dell’indagine delle autorità europee sul matrimonio con PSA, ha incassato l’incremento di prezzo obiettivo annunciato da Hsbc e Jefferies (entrambe “buy”) e l’annuncio che diversi impianti in Nord America non osserveranno le tradizionali chiusure estive.

Parità di Atlantia (-0,03%) che, stando alle indiscrezioni, avrebbe inviato una lettera alla Commissione Ue chiedendole di intervenire nella disputa con il governo. Nonostante il future sul Brent stia annullando la performance negativa di ieri, al momento all’ICE il derivato con consegna settembre segna un rialzo di un punto percentuale a 41,2 dollari, le azioni Eni (-0,69%), Saipem (-1,01%) e Tenaris (-0,99%) hanno tutte fatto registrare una performance negativa.

Nel comparto bancario lettera sul terzetto formato da UniCredit (-1,88%), Intesa Sanpaolo (-1,06%) e BPER (-2,75%) mentre la Popolare di Sondrio ha terminato con un +3,69% dopo la notizia della cessione di un pacchetto di sofferenze da 1 miliardo di euro.

Tra gli altri titoli, due velocità per Juventus (-5,41%), sconfitta in finale di Coppa Italia dal Napoli, e il +2,27% della Lazio che potrebbe sfruttare le difficoltà della squadra bianconera nella corsa scudetto. (In collaborazione con money.it)



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.