Cerca

Borsa italiana sul mercato, ipotesi di cordate 'nazionali'

FINANZA
Borsa italiana sul mercato, ipotesi di cordate 'nazionali'

Da gennaio ha perso circa 100 miliardi di capitalizzazione per colpa del Covid19, ma è ancora un 'asset' da 530 miliardi di euro, circa il 30% del Pil italiano. Sarà per questo che in Italia le banche d'affari si stanno muovendo sulla Borsa di Milano già da diversi mesi, preparando piani e valutazioni sul prezzo. Da quando, cioè, era chiaro che la maxi-operazione Lse-Refinitiv, da 27 miliardi di euro, avrebbe avuto un impatto su Piazza Affari e Mts. Entrambe sono controllate dal London Stock Exchange e sono tra i beni considerati alienabili per sminare eventuali problemi Antitrust.


Da ieri, sono ufficiali le "discussioni esplorative" del Lse, che attenderebbe offerte non vincolanti già a settembre-ottobre, secondo quanto riporta Il Sole 24 Ore. Sicuramente si farà avanti Euronext, il gruppo che controlla diverse piazze finanziarie europee - Parigi, Amsterdam, Lisbona, per citarne alcune - e che già a inizio anno era uscito allo scoperto manifestando l'interesse per Milano a Londra.

Trascorsi alcuni mesi e ascoltate le banche di investimento, il Governo avrebbe ben chiara la posta in gioco, soprattutto sul fronte Mts, il mercato all'ingrosso dei Titoli di Stato, fondamentale per le emissioni dei bond del Tesoro. Secondo le indiscrezioni, Borsa italiana insieme a Mts potrebbe valere dai tre ai quattro miliardi di euro, ed è tra le società considerate strategiche dall'Esecutivo, nell'elenco di quelle da tutelare con la disciplina del Golden Power.

Per questo, dalla Lega al Movimento 5 Stelle, si sono già alzate voci di avvertimento per sensibilizzare il Governo a preparare un'offerta o alternative valide a una cessione che passi sopra la testa del Paese.

Le opzioni sono due: che intervenga direttamente lo Stato, con il Mef, ipotesi altamente improbabile, oppure che si formi una cordata di banche e istituzioni finanziarie, capitanate da un soggetto pubblico come la Cdp o il Fondo strategico, che presenti un'offerta.

L'ipotesi darebbe forza negoziale all'Italia e potrebbe consentire in futuro una cessione di Borsa, con condizioni più favorevoli, ai grandi gruppi internazionali che controllano i listini. Oppure un'ipo, una quotazione della stessa Borsa. Per ora, sottolineano fonti vicine alla Cassa, non c'è nulla sul tavolo. Una risoluzione in questo senso è stata depositata dal Movimento 5 Stelle in Commissione Finanze alla Camera. L'obiettivo sarebbe coinvolgere Cdp e assicurare che ci siano "sufficienti garanzie a tutela dell’interesse nazionale nella prospettiva di Borsa Italiana". I tempi, a negoziati iniziati, sono molto stretti e oggi ne sono tutti più consapevoli.

(di Vittoria Vimercati)



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.