cerca CERCA
Lunedì 16 Maggio 2022
Aggiornato: 18:02
Temi caldi

Somalia: al-Shabab rivendicano attacco a Palazzo presidenziale

08 luglio 2014 | 19.48
LETTURA: 2 minuti

alternate text

I miliziani islamici di al-Shabab hanno rivendicato l'attacco sferrato al Palazzo presidenziale somalo a Mogadiscio spiegando che uomini armati sono ancora all'interno dell'edificio. Un portavoce del gruppo islamico legato ad al-Qaeda ha spiegato che all'interno del Palazzo è in corso uno scontro a fuoco.

In base a una prima ricostruzione fornita dalla Bbc citando testimoni, un'autobomba è esplosa all'ingresso dell'edificio permettendo a uomini armati di entrare nel Palazzo evitando la sicurezza. Il presidente Hassan Sheikh Mohamud non era al suo interno al momento dell'attacco in quanto invitato nella residenza dell'inviato speciale delle Nazioni Unite in Somalia, vicino all'aeroporto. Un cospicuo contingente della polizia somala aveva accompagnato il presidente in missione e per questo il Palazzo presidenziale era sotto il controllo dei soldati dell'Unione Africana. Al momento non è chiaro se il primo ministro e il presidente del Parlamento si trovassero all'interno del Palazzo al momento dell'attacco.

Sabato i miiziani di al-Shabab legati ad al-Qaeda hanno attaccato il Parlamento somalo di Mogadiscio, a un centinaio di metri dal Palazzo presidenziale, causando la morte di cinque persone tra civili e agenti della sicurezza. Gli al-Shabab avevano promesso di aumentare gli attacchi contro le istituzioni durante il mese sacro all'Islam di Ramadan.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza